Mentre il Senato del Messico celebrava l’approvazione di un disegno di legge progettato per frenare il potere dell’Istituto Nazionale Elettorale (INE), l’agenzia apartitica e indipendente che sovrintende alle elezioni, il paese ha fatto un altro passo indietro verso il suo decennale passato autoritario. Nonostante la corruzione, la violenza e la disuguaglianza, il Messico ha funzionato come una democrazia elettorale per quasi tre decenni, con competizione politica e una vivace societ脿 civile. Gran parte di quel successo 猫 dovuto all’INE.

Sotto il presidente Andr茅s Manuel L贸pez Obrador, un leader combattivo e carismatico salito al potere nel 2018, le istituzioni indipendenti del Messico stanno lentamente perdendo la loro capacit脿 di fungere da contrappeso all’esecutivo. L’ultimo attacco all’INE potrebbe essere il pi霉 sfacciato di L贸pez Obrador. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti ha manovrato con cautela per evitare di perdere la cooperazione del Messico su questioni interne vitali, in particolare l’immigrazione lungo il confine meridionale. Tuttavia, non riuscire a pronunciarsi con enfasi contro la costante marcia indietro del Messico verso l’autoritarismo – nonostante la recente retorica sulla “difesa della democrazia” – comporta i suoi rischi. Un Messico instabile o addirittura autocratico potrebbe esacerbare le sfide interne, compresa la lotta contro l’epidemia di oppioidi, potenziata dal fentanyl, e relegare l’apparentemente fermo impegno del presidente Joe Biden per il governo democratico a una mera spacconata retorica.

L’INE e la fine dell’autocrazia del partito egemonico del Messico

Per gran parte del 20掳 secolo, il Messico ha operato come un’autocrazia di partito egemonico con il Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) al timone. In questo sistema, le elezioni si tenevano regolarmente per scoraggiare il dissenso delle 茅lite di partito, garantire la rotazione controllata del potere e segnalare pubblicamente un sostegno schiacciante al PRI.

Alla fine degli anni ’80, le dinamiche economiche e politiche del Messico erano cambiate, rendendo meno sicura la presa del potere del PRI. Le elezioni del 1988 – la prima seria competizione elettorale in Messico – furono segnate da diffuse frodi. Sebbene il PRI abbia rivendicato la presidenza, il governo ha istituito il precursore dell’INE nel 1990, noto come Istituto elettorale federale (IFE), in risposta alla protesta pubblica. Nel 1994, l’IFE ha invitato osservatori internazionali (eufemisticamente chiamati “visitatori internazionali” per placare le preoccupazioni che il Messico fosse monitorato da attori stranieri) a essere presenti prima e il giorno delle elezioni.

Inizialmente, l’IFE ha mantenuto stretti legami con il PRI, ma dopo le riforme istituite nel 1996, il cane da guardia ha ottenuto l’indipendenza dalla mediazione politica ed 猫 stato molto apprezzato in tutto il Messico e all’estero. 脠 servito anche da modello per l’istituzione di organismi simili altrove e ha contribuito allo svolgimento delle elezioni, come 猫 avvenuto dopo che Timor-Leste 猫 diventata una nazione indipendente nel 1999. Nel 2000, l’IFE ha supervisionato la transizione del potere presidenziale dal PRI al National Partito d’azione, rompendo 71 anni di governo del PRI.

Dal 2000, l’IFE (che 猫 diventato l’INE nel 2014 dopo le riforme) ha supervisionato tre ulteriori elezioni presidenziali, che hanno tutte presentato L贸pez Obrador come candidato. Nelle due elezioni perse nel 2006 e nel 2012, L贸pez Obrador ha mosso accuse di frode. In una di queste elezioni, ha tentato di istituire una presidenza parallela. Nella terza elezione – tenutasi l’ultima volta nel 2018 – ha vinto, con la promessa di creare una “democrazia autentica”, libera da corruzione e sprechi. All’inizio del 2021, si era concentrato su un obiettivo preferito: l’INE.

Lopez Obrador vs. l’INE

L贸pez Obrador ha due ossessioni – una per il passato e un’altra per il futuro – ed entrambe ruotano attorno all’INE. Mantiene a lungo rancore nei confronti dell’INE per aver certificato le elezioni presidenziali del 2006, che ha perso con un margine sottile come un rasoio e che, nonostante le sue affermazioni di frode, gli osservatori internazionali hanno visto come un riflesso della “legittima volont脿 dei cittadini messicani”. Per quanto riguarda il futuro, l’ultima cosa che vuole fare alla cerimonia di giuramento per il prossimo presidente del Messico 猫 mettere la fascia presidenziale sulle spalle di un presidente eletto dell’opposizione e, cos矛 facendo, mettere a repentaglio l’eredit脿 del suo governo. chiamato “Quarta trasformazione” e la sopravvivenza dei suoi progetti e politiche preferiti.

L’avversione di L贸pez Obrador nei confronti dell’INE si 猫 trasformata in azione dopo che l’agenzia ha multato il suo partito MORENA per irregolarit脿 nel finanziamento della campagna nel 2018 e ha squalificato due dei suoi candidati governatori dalla candidatura alle cariche nel 2021. Denunciando l’INE come “marcio”, ha presentato una legislazione per frenare la sua capacit脿 di svolgere le sue funzioni pi霉 basilari, vale a dire, condurre elezioni libere ed eque. La sua motivazione 猫 presumibilmente quella di risparmiare denaro, ma altrove ha permesso che le spese e le dispense dilagassero.

Nella prima iterazione delle riforme proposte, L贸pez Obrador ha cercato di sciogliere l’INE apartitico e sostituirlo con un organo eletto in gran parte scelto dall’esecutivo, tra gli altri drastici cambiamenti. La proposta iniziale ha scatenato proteste diffuse in tutto il Messico nel novembre 2022, portando L贸pez Obrador a inveire contro gli oppositori del provvedimento definendoli “per lo pi霉 razzisti, classisti e grandi ipocriti” e organizzando controproteste giorni dopo. Alla fine, queste riforme non sono riuscite a ottenere un sostegno sufficiente al Congresso.

Immediatamente dopo lo stallo della prima proposta, gli alleati di L贸pez Obrador hanno presentato un cosiddetto “Piano B”, che non avrebbe cambiato la struttura dell’INE ma ne avrebbe invece ridotto il budget e la larghezza di banda, costringendo l’agenzia a tagliare il personale e chiudere gli uffici in tutto il Messico. Questi vincoli di bilancio avranno effetti a valle, ostacolando la capacit脿 dei funzionari elettorali di aggiornare gli elenchi di registrazione degli elettori, rilasciare tessere di identificazione degli elettori e formare i lavoratori ai seggi elettorali del personale il giorno delle elezioni. Il Piano B limita anche il potere dei funzionari elettorali di penalizzare i candidati che violano le leggi elettorali e punisce le persone che 鈥渃alunniano鈥 il governo mentre diffondono materiale elettorale. Ci貌 che 猫 considerato calunnia in questo contesto non 猫 chiaro e senza dubbio suscettibile di manipolazione. Inoltre, il solo fatto che questa riforma venga attuata poco pi霉 di un anno prima delle prossime elezioni presidenziali messicane 猫 motivo di profonda preoccupazione. Da allora la proposta 猫 passata alla Camera bassa e al Senato, annunciando una vittoria per il presidente e un altro colpo di avvertimento per la durabilit脿 della democrazia messicana.

Gli impulsi autoritari di L贸pez Obrador

L’attacco di L贸pez Obrador all’INE rappresenta l’ultima azione volta a minare la capacit脿 istituzionale indipendente. Questo obiettivo 猫 alla base di molte delle sue misure di austerit脿, che hanno ridotto la larghezza di banda istituzionale e sventrato le agenzie governative, i regolatori e gli organismi indipendenti e autonomi, sia in termini di budget che di manodopera. Promettendo di lottare contro 鈥渓a mafia del potere鈥, il presidente programma regolarmente 鈥渃onsultazioni popolari鈥 per iniziative importanti, tra cui la controversa (e costosa) demolizione dell’aeroporto di Citt脿 del Messico a favore della sua proposta. Questi referendum cercano di aggirare l’approvazione del Congresso, in genere attirano un’affluenza estremamente bassa ei risultati sono guidati dalle roccaforti MORENA. Tiene anche conferenze stampa quotidiane per parlare direttamente alla “gente”, che spesso durano pi霉 di due ore. Durante questo periodo, molesta giornalisti indipendenti e oppositori della sua agenda politica come “cretini corrotti”.

Con alleati in tutto il Congresso che sostengono la sua agenda, L贸pez Obrador ha preso di mira la magistratura e altri organi indipendenti. Ha anche compiuto uno sforzo concertato per corteggiare i militari ed espandere il loro ruolo nella vita pubblica e nelle politiche pubbliche, nonostante le promesse di “smilitarizzare” il Messico. E sebbene sia salito al potere con la promessa di porre fine alla corruzione e costruire un Messico pi霉 equo, i suoi programmi sociali sono stati rovinati da accuse di appropriazione indebita di fondi e “clientismo mascherato”. Ha persino nominato nella sua amministrazione una figura politica controversa che ha supervisionato alcuni degli atti di corruzione pi霉 sfacciati del PRI nel 1988.

Finora, gli atti autoritari di L贸pez Obrador hanno fatto poco per intaccare la sua popolarit脿 – e per ora ha incontrato una resistenza limitata da parte delle istituzioni progettate per controllare il suo potere. Con una contestazione della sua proposta INE alla Corte Suprema, non passer脿 molto tempo prima che l’intera portata del decadimento istituzionale del Messico diventi chiaro.

L’approccio transazionale dell’amministrazione Biden

Sebbene i membri del Congresso degli Stati Uniti di entrambi i partiti abbiano rapidamente criticato l’attacco al processo elettorale del Messico, l’amministrazione Biden ha risposto con troppa cautela all’ultimo atto illiberale di L贸pez Obrador. Quando il Dipartimento di Stato alla fine ha commentato che “sistemi elettorali indipendenti e dotati di risorse adeguate e rispetto per l’indipendenza giudiziaria” sono segni di una “sana democrazia”, 鈥嬧媔l presidente del Messico ha ribattuto al momento giusto: “c’猫 pi霉 democrazia in Messico di quanta ne potrebbe esistere negli Stati Uniti Stati.”

Mentre Biden e altri hanno rapidamente condannato le minacce democratiche in Brasile, le critiche dell’amministrazione al Messico sono state pi霉 contenute. Tra le altre ragioni, la reticenza dell’amministrazione pu貌 essere spiegata dalla sua necessit脿 di garantire la collaborazione messicana sull’immigrazione, un’area che rimane al centro di aspre critiche da parte dei politici repubblicani nonostante le politiche che si avvicinano alle strategie dell’era Trump. Dando la priorit脿 ad altre aree politiche rispetto alle minacce istituzionali alla democrazia messicana, l’amministrazione Biden rischia che i suoi rinnovati impegni nei confronti delle norme democratiche sembrino vuoti e potenzialmente esacerbando le sfide della migrazione e della criminalit脿 organizzata transnazionale lungo la strada.

Piuttosto che l’insurrezione violenta, 猫 spesso la lenta e sistematica cooptazione di controlli istituzionali sull’esecutivo che facilita la fine delle democrazie. Finora, l’approccio pubblico dell’amministrazione Biden al Messico non 猫 riuscito a respingere questi segnali di allarme. Senza una ferma condanna internazionale, 猫 improbabile che l’attacco di L贸pez Obrador all’INE sia l’ultimo contro le istituzioni indipendenti del Messico prima delle elezioni presidenziali del 2024. In particolare, mentre gli Stati Uniti e altri paesi delle Americhe cercano di rafforzare le proprie democrazie, ignorano la minaccia alle istituzioni indipendenti del Messico a proprio rischio e pericolo. I regimi autoritari di tutto il mondo raccoglieranno i benefici geopolitici, strategici e ideologici di un Messico meno democratico e pi霉 insulare.

Origine: www.brookings.edu



Lascia un Commento