Madre Jones; Unsplash

Combatti la disinformazione: iscriviti gratuitamente Madre Jones quotidiano newsletter e segui le notizie che contano.

Il 22 dicembreIl presidente Joe Biden ha firmato un Fattura per la difesa da 886 miliardi di dollari che ha rinnovato uno dei programmi di spionaggio più controversi del governo degli Stati Uniti. Nascosto nella legislazione di 3.000 pagine c’è un’estensione del potere dell’amministrazione di sorvegliare senza mandato gli stranieri all’estero e di curiosare sugli americani nel processo.

L’autorità, nota come Sezione 702 del Foreign Intelligence and Surveillance Act (FISA), è stata oggetto di un intenso esame negli ultimi mesi. La scadenza è prevista per il 31 dicembre e, nelle settimane precedenti a quella data, i legislatori erano ancora impegnati in accesi dibattiti su se e come consentirne la prosecuzione. Ma queste conversazioni sono state interrotte dopo che il Congresso e l’amministrazione Biden hanno concesso un’estensione a breve termine del programma di spionaggio attraverso il disegno di legge annuale sulla difesa, mantenendolo potenzialmente in vigore fino al 2025.

Molti sostenitori delle libertà civili criticano l’estensione, affermando che elude una rara spinta bipartisan per proteggere la privacy degli americani. Questa misura tampone, sostengono, dà il via ad un dibattito cruciale sullo spionaggio del governo nel nuovo anno, o oltre. Nel frattempo, consente alle autorità federali di mantenere un potere di cui hanno regolarmente abusato.

“È tragico”, afferma Elizabeth Goitein, direttrice senior del programma Libertà e Sicurezza Nazionale del Brennan Center for Justice. “Gli abusi e le violazioni delle libertà civili continueranno a un ritmo del tutto inaccettabile”, aggiunge. “Per ogni giorno, ogni settimana, ogni mese in cui la Sezione 702 continua senza alcuna riforma, questo è ciò che sta accadendo.”

Secondo la sezione 702 della FISA, gli investigatori federali non hanno bisogno di un mandato per intercettare telefonate, messaggi ed e-mail di stranieri al di fuori del paese. Ma a scappatoia consente inoltre loro di accedere ai messaggi che gli americani scambiano con obiettivi all’estero. Queste comunicazioni vengono incanalate in un database in cui gli investigatori possono successivamente effettuare ricerche, sempre senza mandato. Numerosi rapporti hanno documentato le “persistente e diffuso” abuso di questa autorità per spiare gli americani, scappando ricerche non autorizzate sui manifestanti di Black Lives Matter, ad esempio, o sui rivoltosi del 6 gennaio, e persino a Senatore americano.

Nel 2021, l’FBI ha condotto circa 3 milioni di cosiddette “perquisizioni backdoor” su residenti negli Stati Uniti. L’anno scorso, tra le pressioni di legislatori e sostenitori per frenare lo spionaggio senza mandato sugli americani, quel numero caduto a circa 119.000.

Tuttavia, la portata di questa intrusione è stata abbastanza preoccupante da innescare una spinta riformista da parte di repubblicani e democratici. All’inizio di questo mese, il deputato Andy Biggs (R-Ariz.) ha introdotto un disegno di legge bipartisan per rinnovare una versione della Sezione 702 con modifiche chiave, tra cui una requisito del mandato per forze dell’ordine per intercettare le comunicazioni degli americani. Ha attraversato la commissione Giustizia della Camera, notoriamente divisa, con il sostegno di entrambi gli schieramenti.

Prima di partire per la pausa invernale, la Camera doveva votare tra l’avanzamento della proposta del deputato Biggs o uno sforzo bipartisan in competizione sponsorizzato dal deputato Mike Turner (R-Ohio), che secondo gli esperti avrebbe ampliare Poteri di sorveglianza articolo 702. Ma molti legislatori non volevo affrettare il voto. Invece, hanno scelto di estendere temporaneamente il programma di spionaggio attraverso il National Defense Authorization Act del 2024, una misura annuale che stabilisce le priorità politiche e di finanziamento per il Pentagono. Secondo Secondo il presidente della Camera Mike Johnson (R-La.), che in primo luogo aveva assegnato l’estensione alla NDAA, questa mossa fa guadagnare “il tempo necessario per facilitare il processo di riforma”.

L’estensione a breve termine estende ufficialmente il programma di spionaggio per quattro mesi, fino all’aprile 2024. Ma sotto a disposizione poco conosciuta della legge FISA, un tribunale speciale che supervisiona il programma ha il potere di lasciarlo funzionare per un ulteriore anno, fino a quando aprile 2025.

È una vittoria per l’amministrazione Biden, che aveva aumentato la pressione sul Congresso affinché mantenesse intatta l’autorità di sorveglianza. In una casa per la sicurezza nazionale udito Il mese scorso, il direttore dell’FBI Christopher Wray ha riconosciuto che l’ufficio aveva abusato in passato del potere della Sezione 702, ma ha assicurato i legislatori che l’agenzia ora opera con maggiore moderazione. Wray ha anche avvertito che non era il momento di privare l’FBI di alcuna autorità. Dall’attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre, ha detto, “galleria del ladro“di gruppi hanno invocato la violenza contro gli Stati Uniti. “Il 702 è fondamentale per proteggere gli americani dalle minacce terroristiche straniere”, ha esortato. “Per favore, non buttate via il bambino con l’acqua sporca.”

“Non lasciarlo scadere” ha fatto eco Il rappresentante Jim Himes (D-Conn.) alla Camera durante la votazione sul disegno di legge sulla difesa. “Se scade, gli americani e i loro alleati moriranno”.

Ma molti sostenitori affermano che non riuscendo ad aggiungere un requisito di mandato e altre modifiche chiave alla Sezione 702, i legislatori hanno fallito la possibilità di proteggere sia la sicurezza degli americani che i loro diritti. “È estremamente deludente”, afferma Sumayyah Waheed, consulente politico senior del gruppo per i diritti civili Muslim Advocates. Sono stati introdotti progetti di legge “per realizzare effettivamente le riforme di cui abbiamo un disperato bisogno nella Sezione 702”. Ma “invece di consentire che il dibattito continuasse, questo è stato in qualche modo inserito in un atto legislativo da approvare”.

“C’erano molte opportunità per il Congresso di risolvere questo problema”, afferma Andy Wong, direttore della difesa di Stop AAPI Hate, un’organizzazione per la promozione dei diritti degli asiatici americani e degli isolani del Pacifico. “In un certo senso hanno eluso la responsabilità qui.”

Wong sostiene che lasciare un potere di sorveglianza così ampio nelle mani del governo mette a rischio le comunità. Indica l’illegittimo arresto di Il professor Xiaoxing Xi, un fisico della Temple University che è stato accusato di spionaggio dopo che l’FBI ha letto male le e-mail che scriveva ai suoi colleghi cinesi, e-mail ottenute in parte ai sensi della Sezione 702. Gli asiatici americani e altre comunità di colore spesso “si trovano ad affrontare un esame accurato e un sospetto”, spiega. “Comportamenti veramente innocui possono essere interpretati erroneamente o visti attraverso una lente distorta e portare a molti sospetti ingiustificati e potenziali danni”.

La storia del dottor Xi potrebbe essere tra le più estreme, osserva Goitein del Centro Brennan, ma potrebbero esserci altri danni meno evidenti ma anche gravi, in gran parte a causa delle decisioni del governo. estrema segretezza riguardo all’uso della Sezione 702. “Le persone possono essere soggette a controlli fiscali, vedersi negare benefici pubblici o posti di lavoro pubblici”, afferma. “Ci sono molti modi in cui la vita delle persone potrebbe essere influenzata da queste ricerche, e loro non lo saprebbero mai.”

Quando il Congresso ritornerà nel 2024, i legislatori dovranno riprendere ancora una volta lo sforzo di riforma. Secondo il leader della maggioranza Steve Scalise (R-La.), la leadership ci sta provando raffigurare un “processo equo” per appianare le differenze nelle proposte della Camera. Anche i leader del Senato Chuck Schumer (DN.Y.) e Mitch McConnell (R-Ky.) lo hanno fatto promesso lavorare con la Camera su un disegno di legge che possa essere approvato “all’inizio del prossimo anno”.

Alcuni esperti sottolineano la necessità di assicurarsi che l’amministrazione Biden agisca rapidamente poiché ora ha spazio per ritardare. “Anche se il Congresso riuscisse ad approvare un forte disegno di legge di riforma in primavera”, sostiene Goitein, “l’amministrazione non ha alcun reale incentivo a firmarlo perché sa che può continuare la sorveglianza fino all’aprile 2025”.

Waheed di Muslim Advocates riconosce la loro delusione per quella che ha descritto come “questa battuta d’arresto”, ma dice: “Non vediamo l’ora di continuare la lotta l’anno prossimo”.

Origine: www.motherjones.com



Lascia un Commento