Le persone di tutto il mondo sono state colte dall’orrore quando hanno appreso i dettagli del massacro di Christchurch, in cui un terrorista di destra ha ucciso 50 musulmani nella moschea Al Noor e nel centro islamico di Linwood il 15 marzo.

Con il permesso, stiamo ristampando una dichiarazione rilasciata dal comitato nazionale dell’Organizzazione Socialista Internazionale di Aotearoa/Nuova Zelanda, che attribuisce la responsabilit√† di questo attacco islamofobo, tra gli altri, alle principali figure politiche in Nuova Zelanda che hanno legittimato queste opinioni nocive.

√ą quasi al di l√† della comprensione. Cinquanta persone sono morte. Altri 50 sono feriti. Centinaia, probabilmente migliaia, di persone affrontano dolore, perdita inimmaginabile. Questo √® stato un attacco ai musulmani in quanto musulmani, mirato ai loro luoghi santi, effettuato nel loro giorno santo. √ą stato un atto di terrore. Il nostro punto di partenza √® la solidariet√†: con coloro che sono stati feriti e uccisi, con le loro famiglie e i loro cari, e con tutti i musulmani e migranti in queste isole. Questa violenza terroristica – un massacro razziale – mirava a dividerci. Ci uniamo a coloro che soffrono.

Una veglia dopo il massacro della moschea in Nuova Zelanda

La barbarie di questo atto sfida la credenza, ma ha una logica politica. Questo √® stato un atto di terrorismo calcolato, attingendo al fascismo e all’islamofobia. Non c’√® un grande mistero qui, ei leader musulmani parlano da anni della normalizzazione e del mainstreaming dell’odio islamofobo. Ogni politico, ogni editorialista e conduttore di talk show, ogni celebrit√† intellettuale e dei media che ha svolto un ruolo nella normalizzazione del fanatismo anti-musulmano ha una certa responsabilit√† per questa tragedia. Il “muslim ban” di Trump e la “guerra al terrore” a livello globale hanno preparato la scena, ma le figure locali hanno contribuito con la loro parte. Gli editorialisti di Stuff e New Zealand Herald si sono messi in fila l’anno scorso per difendere i “diritti” dei fascisti Stefan Molyneux e Lauren Southern. Ad un evento, Peterson √® stato visto sorridere accanto a un fan che indossava una maglietta “Proud Islamophobe”. Simon Bridges, Judith Collins e il National Party hanno flirtato con la retorica dell’alt-right e dell’estrema destra intorno alle Nazioni Unite. √ą socialmente e politicamente accettabile nei circoli tradizionali parlare dell’Islam e dei musulmani come di un problema o di una questione da affrontare. Centinaia di persone si sono mobilitate ad Auckland lo scorso anno contro la “legge della Sharia” e Stephen Berry di ACT era l√¨ per sostenerle. I gruppi fascisti a Christchurch hanno interrotto le riunioni elettorali nel 2011 e musulmani, ebrei e altre minoranze visibili hanno denunciato per anni graffiti, molestie e abusi nei loro luoghi di ritrovo in tutto il paese. Tutto questo mentre la maggior parte dei commentatori vorrebbe farci credere che la “politica dell’identit√†” e il declino della libert√† di parola siano i temi del giorno. Questo √® il contesto in cui √® cresciuta la violenza fascista. Molti degli assassinati erano rifugiati e migranti. C’√® un’ulteriore crudelt√† che coloro che sono venuti qui in fuga dalle persecuzioni nelle loro vecchie case debbano affrontarla nella loro nuova, e anche questo ha una logica politica. La verit√† √® che ogni partito politico nell’attuale parlamento ha, in qualche modo, nell’ultimo decennio, giocato con e promosso la retorica anti-immigrati. Winston Peters ha parlato del “vero impatto che l’immigrazione sta avendo sullo stile di vita dei kiwi” nel 2017. National si √® opposta al raddoppio della quota di rifugiati. Il fascismo omicida pu√≤ essere estremo, ma non pu√≤ esistere senza la pi√Ļ ampia cultura politica anti-musulmana e anti-immigrati promossa dal mainstream.

Questo non √® un evento misterioso. Deve essere inteso come un’espressione dell’islamofobia e dell’ideologia della supremazia bianca, e contrastato di conseguenza.

Il razzismo permea la societ√† neozelandese, soprattutto nella polizia. La comunit√† musulmana conosce da anni le minacce che deve affrontare, eppure non √® stato fatto nulla. Anjum Rahman del Consiglio delle donne islamiche della Nuova Zelanda ha scritto di come la sua organizzazione abbia supplicato e implorato le autorit√† affinch√© le minacce anti-musulmane fossero prese sul serio. Milioni di dollari sono stati sprecati per perseguitare gli attivisti MńĀori con false accuse di ‚Äúterrorismo‚ÄĚ e per sorvegliare moschee come quella di Linwood. Gli attivisti per la pace sono stati perseguiti e molestati per aver protestato contro le conferenze sulle armi a Wellington, con pi√Ļ soldi ancora sprecati in procedimenti giudiziari fasulli. Eppure gli assassini sono stati in grado di organizzarsi senza essere scoperti. Devono essere poste serie domande sulle priorit√†, sulla politica e sui pregiudizi della polizia.

E qual è stata la risposta della polizia dopo la tragedia? Scoraggiare i musulmani e le minoranze visibili dal riunirsi in pubblico e cercare di tenere le persone lontane da veglie e proteste. Sono completamente privi di autorità morale.

C’√® un percorso diverso. Questa √® la strada della solidariet√†. Ogni raduno, ogni veglia, ogni protesta che sta dalla parte dei musulmani mostra il potere che possiamo avere come collettivit√†. Il terrorismo cerca di isolarci e dividerci. Mobilitazioni di massa, fiducia in noi stessi come lavoratori, dimostrano che non lasceremo isolare i musulmani e non saremo divisi. Ci√≤ pu√≤ dare conforto e coraggio agli oppressi e pu√≤ sfidare altri lavoratori a mostrare ulteriore solidariet√†.

Dobbiamo organizzare manifestazioni di solidariet√† nelle prossime settimane per martellare questo messaggio a casa: i musulmani sono i benvenuti, il razzismo no; abbasso l’islamofobia e l’odio dei suprematisti bianchi!

Siamo uniti nel dolore, ma questo √® un dolore politico. Risponde a un odio fascista. Il fascismo detesta le nostre libert√† – le libert√† religiose e civili dei musulmani, i diritti della nostra diversit√†, il potere dei lavoratori come collettivit√† – e dobbiamo mostrare il nostro rifiuto dell’odio che motiva questo massacro razziale esercitando collettivamente quelle libert√†. Lutto e rispetto, in questo contesto, significano stare per strada. Gli eventi sindacali devono andare avanti. Comizi, scioperi e comizi di stop al lavoro sono i motori dell’unit√† di classe e del potere, le stesse cose che l’estrema destra odia. Ci danno la possibilit√† di stare insieme nell’unit√† della classe operaia, musulmana e non musulmana, visibilmente uniti e in lotta. Ci opponiamo a qualsiasi invito a rinviare o annullare l’attivit√† sindacale.

Il fascismo √® la politica della disperazione. Spera di portare la disperazione negli altri, attraverso atti bestiali di crudelt√† come quelli di Christchurch. Alimenta il razzismo, il fanatismo, la paura e il disprezzo dell’altro. Cresce nella disperazione. Il socialismo √® la politica della speranza, dell’unit√† della classe operaia, della cooperazione dal basso contro la supremazia bianca e le divisioni promosse dall’alto. Le manifestazioni di massa in tutto il paese dopo questa atrocit√† mostrano una via da seguire: solidariet√†, speranza, sfida. Affrontare il fascismo e cacciare dalla societ√† il fanatismo anti-musulmano e anti-migranti √® un compito urgente per tutti noi oggi.

Prima piangiamo, ora ci organizziamo.

Pubblicato per la prima volta dall’Organizzazione Socialista Internazionale di Aotearoa/Nuova Zelanda.

Origine: socialistworker.org



Lascia un Commento