Alla fine di maggio, un’alleanza di partigiani anti-Putin ha utilizzato il territorio ucraino per lanciare una sbalorditiva incursione nella Russia occidentale. Guidato dal Russian Volunteer Corps, o RVC, e dal suo leader Denis Kapustin, un neonazista ricercato ed ex teppista di calcio, l’assalto ha messo in luce quanto la Russia fosse diventata vulnerabile agli attacchi dalla sua invasione dell’Ucraina.

Per anni, Kapustin ha mantenuto legami pubblici con due famigerati neonazisti americani: Robert Rundo, il fondatore della banda di combattenti di strada Rise Above Movement, e Christopher Pohlhaus, un ex marine e leader di un gruppo che terrorizza gli eventi drag negli Stati Uniti

Sebbene Kapustin sia stato per anni un appuntamento fisso tra gli estremisti europei, ha guadagnato una minore popolarit√† tra i neonazisti americani quando ha iniziato a ospitare un podcast nel gennaio 2021 con Rundo, un imputato della rivolta di Charlottesville che ora sta affrontando l’estradizione negli Stati Uniti dalla Romania. Nello show multi-episodio, i due uomini – appassionati di arti marziali miste – hanno discusso dei vantaggi dei “club attivi”, che sono essenzialmente club di combattimento fascisti che sono spuntati in tutti gli Stati Uniti

Ma Kapustin, che usa anche il suo nominativo “White Rex” (il suo marchio personale di MMA) o usa il cognome “Nikitin”, ha contatti che vanno oltre nel neonazismo negli Stati Uniti.

Nel luglio 2021, √® apparso anche in un altro podcast di due ore e mezza con Pohlhaus, un veterano di quattro anni del Corpo dei Marines che solo pochi mesi fa, con un revolver legato al fianco, guidava la sua cosiddetta Blood Tribe in una protesta contro un evento drag fuori Akron, Ohio. La relazione sembra in corso: Pohlhaus ha detto ai suoi follower sull’app Telegram nelle ultime settimane che vuole aiutare il suo amico “Denis” in Ucraina e ha intenzione di recarsi l√¨ per stabilire una pipeline neonazista di soldati volontari alla causa.

Sulla scia dell’ammutinamento del leader mercenario russo Yevgeny Prigozhin contro il regime del presidente Vladimir Putin settimane fa, Kapustin illustra quanto siano radicali alcuni dei volti dell’opposizione armata a Putin. A seguito delle operazioni transfrontaliere di RVC, che comprendevano Humvee e altri veicoli blindati forniti dagli americani, i rapporti hanno giustamente sottolineato che l’RVC e la sua politica potrebbero fornire una spinta ai propagandisti russi che spesso accusano Kiev di essere una sorta di Quarto Reich.

Composto principalmente da ultranazionalisti russi con l’obiettivo dichiarato di rovesciare la Federazione Russa, l’RVC √® innegabilmente affiliato all’estrema destra, con membri spesso visti indossare toppe con simboli neonazisti. Kapustin √® anche una figura nota alle autorit√† tedesche, che lo avrebbero bandito dall’area Schengen dell’Unione Europea per il suo violento neonazismo e le sue connessioni con la scena estremista delle MMA. Il governo ucraino, da parte sua, ha ripetutamente sostenuto che l’RVC non √® ufficialmente parte del suo sforzo bellico o sotto il suo controllo, anche se il governo ha ammesso di cooperare e fornire informazioni ai controversi partigiani russi.

Pohlhaus, noto ai suoi seguaci come “The Hammer”, √® recentemente emerso come una delle figure pi√Ļ pubbliche e militanti nel mondo del neonazismo americano online. Con collegamenti confermati a Riley June Williams, l’aggressore del 6 gennaio che avrebbe rubato un laptop dall’ufficio della rappresentante Nancy Pelosi, Pohlhaus si √® trasferito nel Maine l’anno scorso e ha iniziato a costruire una propriet√† per una comunit√† di soli bianchi dove la sua trib√Ļ del sangue poteva “addestrarsi”.

Quest’anno, Pohlhaus e il suo gruppo hanno fatto notizia per essersi presentati due volte per trascinare eventi in Ohio e allearsi con NSC-131, un altro gruppo neonazista clandestino con sede nel New England che ha recentemente minacciato un’ora di drag story nel New Hampshire. Alla sua ultima protesta in Ohio ad aprile a una raccolta fondi per i giovani LGBTQ+ a Columbus, Pohlhaus, che non ha mai assistito a un combattimento come marine, ha camminato con i suoi seguaci mascherati mentre sventolavano una bandiera con la svastica e facevano il saluto “Sieg Heil” ai partecipanti all’evento.

KYIV, UCRAINA - 03 GIUGNO: Membri del Corpo dei volontari russi, il gruppo antigovernativo russo che sta combattendo dalla parte dell'Ucraina, con altri posano per le foto durante l'evento di donazione del sangue per l'esercito ucraino il 3 giugno 2023 nel centro di Kiev, Ucraina.  Gli attacchi di droni e missili russi su Kiev sono aumentati notevolmente a maggio, con la capitale dell'Ucraina presa di mira 17 volte, rispetto ai due attacchi aerei di aprile.  A giugno la Russia continua i suoi attacchi a Kiev.  (Foto di Roman Pilipey/Getty Images)

Membri del Corpo dei volontari russi posano per le foto durante un evento di donazione di sangue per l’esercito ucraino nel centro di Kiev il 3 giugno 2023.

Foto: Roman Pilipey/Getty Images

Combattenti anti-Putin

Sebbene in precedenza avesse mostrato scarso interesse per la guerra in Ucraina, questa settimana Pohlhaus ha detto ai suoi seguaci, sia in un’intervista su un podcast neonazista clandestino sia in un lungo messaggio su Telegram, che ora era il momento di unirsi alla guerra e aiutare i neo-nazisti. -Nazisti come Kapustin.

“Andr√≤ personalmente con una squadra composta principalmente da veterani che si sono impegnati nel compito”, ha scritto Pohlhaus in un messaggio visualizzato migliaia di volte su Telegram, spiegando che “se tutto va bene”, diventerebbe il “[neo-Nazi] collegamento per l’anglosfera in Ucraina.

In dichiarazioni quasi quotidiane, Kapustin e l’RVC chiedono pubblicamente alle reclute con esperienza militare di “unirsi al corpo” e forniscono moduli per il contatto diretto ai loro reclutatori tramite Telegram. (L’account stampa di RVC su Telegram non ha risposto alle richieste di The Intercept di commentare i collegamenti con Pohlhaus e la Blood Tribe.)

“Vediamo la gloriosa opportunit√† in questo conflitto”, ha detto Pohlhaus. ‚ÄúPoich√© l’esercito americano ne sta fuori, abbiamo la possibilit√† di partecipare [under] LA NOSTRA bandiera.

Sebbene Pohlhaus sia noto per la sua magnificenza online, √® un estremista che traduce le sue parole in attivismo: una volta ha organizzato una controprotesta nazionale nell’anniversario dell’omicidio di George Floyd e ha spiegato come utilizzare ipoteticamente gli attacchi dei cecchini sulla catena di approvvigionamento alimentare in un video in streaming .

Ha detto a The Intercept che il suo impegno a unirsi ai combattimenti in Ucraina è serio.

“Amo Denis e voglio fare tutto il possibile per aiutarlo ad avere successo”, ha scritto Pohlhaus in un messaggio di testo. “Probabilmente ci vorranno un paio d’anni per essere l√¨ equipaggiati.”

Ha affermato che visiter√† l’Ucraina per valutare la situazione in prima persona.

¬ęCerto¬Ľ, disse. “Una vacanza.”

Se a Pohlhaus sar√† consentito l’ingresso in Ucraina √® un’altra questione. Con un divieto di volo civile in corso in Ucraina, Pohlhaus dovrebbe entrare nel paese attraverso nazioni confinanti come la Polonia, il solito confine di ingresso per i volontari stranieri, o la Romania, un paese che ha recentemente mostrato la volont√† di arrestare gli estremisti dall’estero. Entrambi i paesi fanno parte dell’alleanza NATO, con apparati di polizia e di intelligence che collaborano con le autorit√† statunitensi.

Gli ucraini, da parte loro, hanno mostrato ben poco interesse a consentire a neonazisti come Pohlhaus di unirsi al loro sforzo bellico. Gi√† nell’ottobre 2020, l’intelligence ucraina ha fatto uno spettacolo pubblico di deportazione di due membri americani del gruppo terroristico neonazista Atomwaffen Division. Entrambi gli uomini (uno dei quali era un marinaio abbandonato) stavano tentando di unirsi a elementi degli sforzi militari del paese nella regione orientale del Donbass, che all’epoca era il luogo della guerra di trincea con le forze filo-russe.

Kacper Rekawek, un esperto del flusso di combattenti stranieri nella guerra in Ucraina e ricercatore non residente presso il Counter Extremism Project, afferma che mentre in Ucraina ci sono neonazisti dall’estero, il problema non dovrebbe essere esagerato.

“Certamente non √® cos√¨ grave come la propaganda russa vuole farci credere”, ha detto Rekawek. “La cautela √® giustificata e quello che vedo √® che c’√® entusiasmo tra quei tipi di estrema destra, online e offline”.

Secondo Rekawek, sono pochissimi gli stranieri neonazisti che combattono in prima linea, mentre gruppi come CasaPound in Italia, altra organizzazione politica fascista e nazionalista, hanno inviato missioni di ‚Äúosservazione‚ÄĚ in Ucraina.

“Alcuni di loro prendono dei rifornimenti, di solito sono medici o qualche equipaggiamento tattico, ma ovviamente non armi”, ha detto Rekawek, che ha aggiunto che “parlare di un gasdotto” di neonazisti nella guerra √® esagerato. Mentre gruppi come l’RVC hanno chiesto nuove reclute, gli stranieri non di lingua russa e ucraina che una volta si sono uniti alla guerra in massa, indipendentemente dall’ideologia politica, in genere non durano in prima linea, n√© possono essere addestrati in modo altrettanto efficace per il combattimento.

“La capacit√† di questi ragazzi di offrire un cambiamento significativo in prima linea √® limitata”, ha detto Rekawek, riferendosi ai viaggiatori di estrema destra che operano all’interno dello sforzo bellico ucraino. “Queste organizzazioni non sono enti di beneficenza, non sono l√¨ per formarti”.

C’erano timori iniziali tra gli esperti di antiterrorismo che la guerra in Ucraina potesse potenzialmente attrarre un movimento globale di neonazisti, portando alla formazione di una rete simile allo Stato islamico. Ma a un anno e mezzo dall’inizio della guerra, la maggior parte delle autorit√† riconosce che l’Ucraina non √® ancora diventata una destinazione per il movimento di estrema destra.

Tuttavia, i funzionari delle forze dell’ordine americane hanno espresso serie preoccupazioni per persone come Pohlhaus che viaggiano in Ucraina, combattono in guerra e poi tornano a casa. All’inizio dell’invasione nel marzo 2022, un rapporto interno della dogana e della protezione delle frontiere avvertiva che gli estremisti americani erano stati interrogati all’aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York prima che i loro voli di partenza fossero diretti a “unirsi al conflitto”. Il bollettino si chiedeva apertamente che tipo di abilit√† potessero apprendere in Ucraina quei tipi di ‚Äúcombattenti stranieri‚ÄĚ che avrebbero poi ‚Äúproliferato‚ÄĚ in ‚Äúmilizie con sede negli Stati Uniti e gruppi nazionalisti bianchi‚ÄĚ una volta tornati a casa.

Qualunque sia l’esito della sua ultima chiamata a fare volontariato per il conflitto, o se si tratta semplicemente di un bluff per attrarre pi√Ļ fondi per la sua causa personale, Pohlhaus ha riconosciuto che potrebbe passare del tempo prima che la Trib√Ļ del Sangue appaia in Ucraina. Ha detto ai suoi seguaci che ci sarebbe voluto del tempo per mettere in comune le risorse e persino i veicoli per essere autonomi in prima linea.

“Alla fine, questo √® un problema dell’Ucraina”, ha detto Rekawek, che pensa che gli elementi di estrema destra all’interno della struttura militare ucraina potrebbero essere un problema quando si tratta di adesione all’Unione Europea o alla NATO per il paese. ‚ÄúTocca all’Ucraina decidere. E sar√† sicuramente un problema, ma pi√Ļ in l√†‚ÄĚ.

Origine: theintercept.com



Lascia un Commento