La gente piange Keenan Anderson a Santa Monica, in California, il 14 gennaio 2022.

Foto: Jacob Lee Green/Sipa via AP

Il Los Angeles Il dipartimento di polizia sta spingendo la narrazione secondo cui Keenan Anderson Рun insegnante nero di 31 anni, che i poliziotti della polizia di Los Angeles hanno trattenuto e ripetutamente accusato mentre implorava per la sua vita Рè responsabile della sua stessa morte.

I test tossicologici preliminari, eseguiti sul corpo di Anderson dallo stesso dipartimento di polizia, hanno trovato tracce di cannabinoidi e metabolita della cocaina nel suo organismo ‚Äď risultati che non mitigano in alcun modo l’estrema violenza inflitta ad Anderson dalla polizia prima della sua morte il 3 gennaio.

I test antidroga non sono stati rilasciati come parte di un’autopsia ufficiale; l’ufficio del coroner della contea di Los Angeles sta ancora indagando sulla morte di Anderson e non si √® ancora pronunciata sulla sua esatta causa medica. Invece, il LAPD ha condotto i propri test antidroga e ha annunciato i risultati in uno sforzo inequivocabile per denigrare e incolpare la sua vittima, il terzo uomo di colore ucciso dal dipartimento solo nelle poche settimane del 2023.

Non c’√® niente di sorprendente in questo tipo di pratica della polizia. L’idea che il possesso o l’uso di droga da parte dei neri crei motivi sufficienti per giustificare la violenza della polizia, anche mortale, √® alla base di mezzo secolo di polizia statunitense. I poliziotti del dipartimento che ha ucciso George Floyd hanno tentato di incolpare la sua morte anche per il fentanyl trovato presente nel suo sistema, ma per fortuna senza successo.

Se l’autopsia ufficiale di Anderson mina le affermazioni della polizia secondo cui la droga ha avuto un ruolo nella sua morte, sarebbe un sollievo, ma non una vittoria. Invece, la stessa disponibilit√† della polizia di Los Angeles a pubblicare il suo rapporto tossicologico parla di un problema molto pi√Ļ ampio: la certa fiducia nella volont√† del pubblico di demonizzare e incolpare le vittime nere. Se tali narrazioni razziste sulle droghe non fossero state prontamente disponibili, il dipartimento di polizia non si sarebbe affatto preso la briga di rilasciare i risultati tossicologici.

Il fatto che la polizia di Los Angeles stia dispiegando con sicurezza questa tattica di pubbliche relazioni quasi tre anni dopo la morte di Floyd è un cupo riflesso di quanto poco sia cambiato.

Anche questo non dovrebbe sorprendere: le rivolte che hanno seguito l’omicidio di Floyd sono state accolte con una dura repressione statale nelle strade, aiutata da sconfessioni e licenziamenti attraverso i media e il mainstream politico. I legislatori democratici che si sono ridicolmente inginocchiati in panno kente per segnalare le loro credenziali antirazziste sono gli stessi leader che hanno respinto ogni serio tentativo di fare i conti con la violenza razzista che definisce la polizia statunitense.

La realtà della polizia statunitense persiste come una minaccia continua, impenitente e resistente alle riforme per le vite dei neri.

Gli appelli a sottrarre fondi alla polizia sono stati ritenuti elettoralmente radioattivi, le richieste di abolire la polizia sono state derise come deliranti, i bilanci della polizia sono aumentati ulteriormente e l’impunit√† ha continuato a regnare.

La polizia ha ucciso 1.176 persone nel 2022, pi√Ļ uccisioni che negli ultimi 10 anni. E mentre gli organizzatori della giustizia razziale e gli abolizionisti continuano a combattere, le ribellioni di massa del 2020 sono state aggressivamente prosciugate di potere politico da una serie di forze controinsurrezionali, da arresti di massa, demonizzazione dei media e, soprattutto, il completo e codardo abbandono da parte dei politici liberali sul livello cittadino, statale e federale.

Non dubito delle conclusioni dei sondaggisti, secondo cui gli elettori nel 2020 sono stati respinti dal termine “defund”, ma non sono interessato a rimettere in discussione i dibattiti sugli slogan elettorali. Ci√≤ che conta √® che la realt√† della polizia statunitense persiste come una minaccia continua, impenitente e resistente alle riforme per le vite dei neri.

Dovrebbe andare senza dire che la presenza di tracce di droga nel sangue di Anderson non deve in alcun modo allontanare dalla polizia la colpevolezza della sua morte. Anderson è morto in seguito a una brutale interazione con gli agenti di polizia che aveva segnalato per chiedere assistenza dopo un incidente stradale. Amici e parenti hanno affermato che Anderson stava attraversando una crisi di salute mentale, una circostanza tragicamente comune di morte durante la custodia della polizia.

Come mostrato dal filmato della body cam rilasciato, Anderson è stato inseguito e bloccato in mezzo alla strada. Due agenti della polizia di Los Angeles lo tenevano fermo, uno con un gomito sul collo, poi un ginocchio piantato nella sua schiena mentre era ammanettato, e un altro poliziotto gli stava sopra con una pistola Taser, sparandogli con la sua carica elettrica Рdirettamente alla schiena Рancora e ancora, per un totale di oltre 90 secondi. Anderson è stato poi portato in ospedale, dove è morto circa quattro ore dopo.

La presenza di droghe nel sistema di Anderson non significa nemmeno che fosse fatto al momento della sua interazione con la polizia. Il metabolita della cocaina pu√≤ rimanere nel sistema di una persona per giorni. Pi√Ļ precisamente, Anderson non √® certo morto per overdose di cocaina: questi accadono quasi esclusivamente durante l’assunzione del farmaco, non dopo ore in ospedale a seguito di violenze fisiche e estese folgorazioni subite per mano della polizia.

Anche se i residenti della citt√† sono terrorizzati, la polizia consuma enormi quantit√† di risorse di queste comunit√†. L’anno scorso la polizia di Los Angeles ha ricevuto 1,8 miliardi di dollari in finanziamenti comunali, 29 volte superiori al budget per gli alloggi della citt√†, nel mezzo di una pericolosa crisi dei senzatetto. I bilanci gonfiati della polizia non hanno diminuito la criminalit√†, ma hanno semplicemente ampliato il potenziale per le interazioni della polizia in cui un civile pu√≤ essere trattato come un criminale e affrontare la violenza. Le logiche razziste della polizia mantengono una stretta mortale sulle norme politiche statunitensi. Altrimenti, sarebbe – come dovrebbe essere – fuor di dubbio che la polizia √® interamente responsabile della morte di Keenan Anderson.

Origine: theintercept.com



Lascia un Commento