Foto di Tristan Sosteric

Centinaia di milioni di persone in tutto il mondo sono state profondamente toccate dall’atrocità della guerra israeliana contro la Palestina. Milioni di persone hanno partecipato a marce e proteste, molti di loro per la prima volta nella loro vita. I social media, in quasi tutte le lingue del mondo, sono saturi di meme e post su questa o quella terribile azione. Alcuni si concentrano sull’attacco israeliano ai bambini palestinesi, altri sull’attacco illegale alle infrastrutture sanitarie di Gaza, e altri ancora sottolineano l’annientamento di almeno quattrocento famiglie (più di dieci persone uccise per ogni famiglia). Il centro dell’attenzione non sembra diminuire. Le vacanze di dicembre sono passate, ma l’intensità delle proteste e dei posti è rimasta costante. Nessun tentativo da parte delle società di social media di rivolgere l’algoritmo contro i palestinesi ha avuto successo, nessun tentativo di vietare le proteste – nemmeno l’esposizione della bandiera palestinese – ha funzionato. Le accuse di antisemitismo sono cadute nel vuoto e le richieste di condanna di Hamas sono state respinte. Questo è un nuovo stato d’animo, un nuovo tipo di atteggiamento nei confronti della lotta palestinese.

Mai prima d’ora nei 75 anni precedenti c’era stata un’attenzione così sostenuta alla causa dei palestinesi e alla brutalità israeliana. Dal 2006 Israele ha lanciato otto campagne di bombardamento su Gaza. E Israele ha costruito un’intera struttura illegale contro i palestinesi a Gerusalemme Est e in Cisgiordania (un muro dell’apartheid, insediamenti, checkpoint). Quando i palestinesi hanno cercato di resistere – sia attraverso l’azione civica che attraverso la lotta armata – hanno dovuto affrontare un’immensa violenza da parte dell’esercito israeliano. Da quando sono disponibili i social media, sono circolate immagini dalla Palestina, compreso l’uso del fosforo bianco contro i civili a Gaza, e compresi l’arresto e l’uccisione di bambini palestinesi nel territorio della Palestina occupata. Ma nessuno dei precedenti atti di violenza ha evocato il tipo di risposta da tutto il mondo come quella iniziata nell’ottobre 2023.

Genocidio

La violenza armata israeliana contro Gaza da ottobre ha avuto una forma qualitativamente diversa da qualsiasi violenza precedente. Il bombardamento di Gaza è stato feroce, con aerei israeliani che hanno colpito aree residenziali senza alcun timore per la vita civile. Il numero dei morti aumentava di giorno in giorno a un ritmo mai visto prima. Poi, quando le forze di terra israeliane sono entrate a Gaza, hanno effettuato uno sfratto illegale di massa dei civili palestinesi dalle loro case e li hanno spinti sempre più a sud, verso il confine con l’Egitto. Gli israeliani hanno violato le loro stesse promesse di “zone sicure”, colpendo aree più densamente popolate di prima a causa degli sfollamenti interni. È stata questa portata di violenza a provocare l’uso precoce del termine “genocidio” per descrivere ciò che stava accadendo a Gaza. All’inizio di gennaio, più dell’1% dell’intera popolazione palestinese di Gaza era stata uccisa, mentre oltre il 95% era stato sfollato. Il tipo di violenza usata in questo caso non è stata vista in nessuna guerra contemporanea, né in Iraq (dove gli Stati Uniti hanno ignorato la maggior parte delle leggi di guerra) né in Ucraina (dove il bilancio delle vittime dei civili è molto inferiore nonostante la guerra duri ormai da due anni).

Lo slancio della protesta di massa ha spinto il governo del Sudafrica a presentare una controversia alla Corte internazionale di giustizia (ICJ) contro Israele per il crimine di genocidio. Entrambi i paesi sono parti della Convenzione contro il genocidio del 1948 e la Corte internazionale di giustizia è la sede per la risoluzione delle controversie. Il documento di 84 pagine del governo sudafricano documenta molte delle atrocità perpetrate da Israele e anche, soprattutto, le parole degli alti funzionari israeliani. Nove pagine di questo testo (pagg. da 59 a 67) elencano i funzionari israeliani con parole loro, molti dei quali invocano una “Seconda Nakba” o una “Nakba di Gaza”, un uso del termine “Nakba” o Catastrofe che si riferisce alla Nakba dei palestinesi dalle loro case del 1948 che portò alla creazione dello Stato di Israele. Queste parole sono agghiaccianti e circolano ampiamente da ottobre. Il linguaggio razzista sui “mostri”, sugli “animali” e sulla “giungla” plasma i discorsi e le dichiarazioni di questi funzionari del governo israeliano. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato il 9 ottobre 2023 che le sue forze stanno “imponendo un assedio completo a Gaza. Niente elettricità, niente cibo, niente acqua, niente carburante. Tutto è chiuso. Stiamo combattendo gli animali umani e ci comportiamo di conseguenza”. Questo, insieme alla natura degli attacchi militari israeliani, è sufficiente come punto di riferimento per l’accusa di genocidio. All’udienza presso l’ICJ, Israele non è stata in grado di rispondere in modo credibile alla denuncia sudafricana.

È una combinazione delle immagini provenienti da Gaza e delle parole di questi alti funzionari israeliani – pienamente sostenuti dal governo degli Stati Uniti e da molti governi degli stati europei – che ha provocato la rabbia e la desolazione prolungate che hanno guidato queste proteste di massa.

Legittimità

Nel corso degli ultimi due anni – dall’inizio della guerra in Ucraina fino ad oggi – si è verificato un rapido declino della legittimità dell’Occidente, in particolare dei paesi dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), guidati dagli Stati Uniti. Stati. Queste guerre non sono la causa di questo calo di legittimità, ma hanno accelerato il declino della legittimità dei paesi della NATO, in particolare nel Sud del mondo.

Dall’inizio della Terza Grande Depressione nel 2007, il Nord del mondo ha lentamente perso il controllo sull’economia mondiale, sulla tecnologia, sulla scienza e sulle materie prime. I miliardari del Nord del mondo hanno intensificato il loro “sciopero fiscale” e hanno ritirato gran parte della ricchezza sociale nei paradisi fiscali e negli investimenti finanziari improduttivi. Ciò ha lasciato il Nord del mondo con pochi strumenti per mantenere il potere economico, anche effettuando investimenti nel Sud del mondo. Questo ruolo è stato lentamente assunto dalla Cina, che ha riciclato i profitti globali in progetti infrastrutturali in tutto il mondo. Invece di contestare la Belt and Road Initiative della Cina, ad esempio, attraverso il proprio progetto commerciale ed economico, il Nord del mondo ha cercato di militarizzare la sua risposta con spese massicce (tre quarti della spesa militare globale è a carico degli stati della NATO). Il Nord del mondo ha utilizzato l’Ucraina e Taiwan come leve per provocare conflitti militari tra Russia e Cina, in modo da “indebolirle” piuttosto che contrastare la crescente potenza energetica russa e quella industriale e tecnologica cinese attraverso il commercio e lo sviluppo.

È chiaro alla maggior parte delle persone nel mondo che è il Nord del mondo a non essere riuscito ad affrontare le crisi mondiali, che si tratti della crisi climatica o delle conseguenze della Terza Grande Depressione. Ha cercato di sostituire la realtà con un linguaggio eufemistico, utilizzando termini come “promozione della democrazia”, “sviluppo sostenibile”, “pausa umanitaria” e – dal ministro degli Esteri britannico Lord David Cameron e dal ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock – la ridicola formulazione di un “cessate il fuoco sostenibile”. Le parole vuote non sostituiscono le azioni reali. Parlare di un “cessate il fuoco sostenibile” mentre si arma Israele o parlare di “promozione della democrazia” mentre si appoggiano governi antidemocratici ora definisce l’ipocrisia della classe politica del Nord del mondo.

Gli israeliani affermano che continueranno questa guerra genocida per tutto il tempo necessario. Con il passare dei giorni di questa guerra, la legittimità di Israele si deteriora. Ma dietro quella violenza stessa c’è il fine molto più profondo della legittimità del progetto NATO, le cui ipocrisie suonano come chiodi trascinati su una lavagna insanguinata.

Questo articolo è stato prodotto da Giramondo.

Origine: https://www.counterpunch.org/2024/01/15/israels-war-on-palestine-and-the-global-upsurge-against-it/



Lascia un Commento