John Minchillo/AP

Combatti la disinformazione: iscriviti gratuitamente Madre Jones quotidiano newsletter e segui le notizie che contano.

Donald Trump rimarrà sul voto del Michigan per le elezioni presidenziali del 2024. Mercoledì, la Corte Suprema del Michigan ha respinto l’ultimo appello per rimuovere l’ex presidente incriminato dalle primarie repubblicane dello stato. La Corte Suprema dello stato ha stabilito che il segretario di stato non ha l’autorità di rimuovere un candidato dalle liste ai sensi della sezione 3 del 14° emendamento, che vieta agli insurrezionalisti di ricoprire l’incarico. Questa decisione conferma la sentenza di un tribunale di grado inferiore di novembre.

Questa è una vittoria per l’ex presidente quattro volte incriminato, che all’inizio di questo mese è stato squalificato con successo dal ballottaggio del Colorado, una sentenza che, secondo quanto riferito, dovrebbe presentare appello alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Com’era prevedibile, Trump si è rivolto alla sua piattaforma di social media, Truth Social, per festeggiare, definendo il tentativo di rimozione una “patetica mossa per truccare” le elezioni presidenziali del 2024.

Attualmente, secondo il rapporto, l’idoneità presidenziale di Trump è messa in discussione in almeno 16 stati New York Times, con la sua partecipazione all’insurrezione del 6 gennaio come base per la maggior parte di questi casi. Il 14° Emendamento fu ratificato dopo la Guerra Civile nel 1868, e la Sezione 3 afferma che nessun funzionario eletto, dal Congresso alla presidenza, “dovrà essersi impegnato in un’insurrezione o ribellione contro la stessa, o dato aiuto o conforto ai suoi nemici”. COME Di Madre Jones Madison Pauly ha riferito: “Se il [Supreme Court] Se i giudici dovessero confermare la decisione della Corte Suprema del Colorado, Trump potrebbe essere cancellato dalle schede elettorali a livello nazionale”.

Origine: www.motherjones.com



Lascia un Commento