VIAGGIO SULLA LUNA, 1902, diretto da GEORGES MELIES. Copyright MELIES. Credito: MELIES/Album/Zuma

Combatti la disinformazione: iscriviti gratuitamente Madre Jones quotidiano newsletter e seguire le notizie che contano.

Il programma spaziale russo, comunemente noto come Roscosmos, sta impiegando un’impressionante ginnastica verbale per spiegare il fallimento del suo veicolo spaziale senza pilota nell’atterraggio sul polo sud della luna questo fine settimana. “L’apparato si è spostato in un’orbita imprevedibile e ha cessato di esistere a seguito di una collisione con la superficie della luna”, ha detto l’agenzia in una nota.

In altre parole, si è schiantato sulla luna. (Ho controllato con un amico di lingua russa che ha confermato che l’affermazione è anche divertente nell’originale russo. “Fbbcbd”, ha scritto, sottintendendo una risata.)

Non puoi davvero incolpare la Russia per aver cercato di sorvolare sulla crudele realtà che il suo razzo molto costoso ha piantato sulla superficie dell’unico satellite naturale della Terra. La NASA ha sicuramente fatto la sua parte nel controllo dei danni nel corso degli anni. Ma descrivere un’astronave probabilmente distrutta da una violenta esplosione come “cessata di esistere” è una meraviglia di passività che renderebbe gelosi i poliziotti.

La Russia è stata in corsa con l’India per essere il primo paese a far atterrare un veicolo spaziale vicino al polo sud della luna. A differenza dell’originale Space Race, la Russia non è in una guerra fredda ma calda. Il suo attacco all’Ucraina ha portato alla sua alienazione da altri paesi che avrebbero potuto aiutarla tecnologicamente. IL New York Times ha avuto parole dure sulla competenza del programma spaziale russo:

Quando le missioni vengono perse durante l’accensione del motore orbitale, la causa spesso si rivela essere una produzione scadente e test inadeguati. Queste carenze sono state la base del fallimento dell’ultima grande sonda interplanetaria robotica della Russia, Phobos-Grunt, nel 2011. Un altro fattore potrebbe essere l’imbarazzante errore umano, come quando il Mars Climate Orbiter della NASA è bruciato nell’atmosfera marziana nel 1999 a causa di un mix- tra unità metriche e imperiali.

Per fortuna, la luna si sta riprendendo in condizioni stabili.

Origine: www.motherjones.com



Lascia un Commento