Il senatore Bob Menendez durante un’audizione della commissione per le relazioni estere del Senato il 26 gennaio 2023.Bill Clark/AP

Combatti la disinformazione: iscriviti gratuitamente Madre Jones quotidiano newsletter e segui le notizie che contano.

Il Dipartimento di Giustizia giovedì ha emesso un nuovo atto d’accusa contro il senatore democratico Robert Menendez e sua moglie, questa volta accusando la coppia di agire come agenti stranieri per l’Egitto.

La dichiarazione del tribunale aggiunge dettagli alle sorprendenti accuse già presentate contro il senatore senior del New Jersey. Queste includono accuse secondo cui lui e sua moglie Nadine avrebbero accettato lingotti d’oro, contanti, una Mercedes, attrezzi ginnici, un purificatore d’aria e altri regali del valore di centinaia di migliaia di dollari. In cambio, Menendez avrebbe aiutato un uomo d’affari egiziano-americano a mantenere il monopolio sulla certificazione halal per la carne statunitense inviata in Egitto; interferito con molteplici indagini penali; e ha utilizzato il suo incarico di massimo democratico nella commissione per le relazioni estere del Senato per assicurarsi che le vendite di armi statunitensi all’Egitto andassero a buon fine. Il Dipartimento di Giustizia ha anche affermato che Menendez ha fornito segretamente al governo egiziano dettagli sensibili sui dipendenti americani che lavorano presso l’ambasciata americana al Cairo.

Le accuse secondo cui Menendez avrebbe violato la legge sulla registrazione degli agenti stranieri non sono una sorpresa. Nell’atto d’accusa iniziale del 22 settembre contro Menendez, i pubblici ministeri avevano affermato che questi aveva usato il suo potere per promuovere gli interessi egiziani in cambio di tangenti. Ma la nuova accusa aggiunge pressione sui democratici al Senato – e sui repubblicani – mentre sono alle prese con come comportarsi con il loro collega in difficoltà. Menendez finora ha rifiutato di dimettersi dal Senato e continua a far parte della Commissione per le Relazioni Estere, nonostante si sia dimesso dalla carica di presidente. Le accuse secondo cui Menendez avrebbe utilizzato il suo ufficio e la sua posizione nella commissione per agire segretamente come agente egiziano rendono il suo servizio ancora più imbarazzante per i democratici, complicando le loro speranze di evidenziare le accuse e la presunta corruzione dell’ex presidente Donald Trump nel 2024.

Un portavoce della commissione ha rifiutato di commentare. Un portavoce del leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (DN.Y.), che non ha pubblicamente esortato Menendez a dimettersi, non ha risposto alle domande giovedì.

Nell’accusa sostitutiva depositata giovedì, i pubblici ministeri descrivono una cena di incontro del 21 maggio 2019 in una steakhouse di Washington, DC, che ha coinvolto il senatore e la sua attuale moglie, l’uomo d’affari egiziano-americano, e un funzionario governativo egiziano senza nome. Durante quel pasto, Nadine Menendez avrebbe chiesto agli uomini: “Cos’altro può fare per voi l’amore della mia vita?”

Nei due giorni successivi, l’uomo d’affari Wael Hana avrebbe inviato a Nadine Menendez del materiale dettagliato sulle obiezioni sollevate dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti riguardo al monopolio che il governo egiziano gli aveva misteriosamente concesso sulla certificazione halal. Il 23 maggio, il senatore Menendez ha chiamato un alto funzionario dell’USDA per chiedere all’agenzia di ritirare la sua obiezione. I pubblici ministeri affermano che Nadine Menendez riceveva pagamenti dalla società halal per un lavoro per lo più senza presentarsi.

La nuova accusa afferma anche che più o meno nello stesso periodo, l’anonimo funzionario egiziano che aveva partecipato alla cena di incontro cercò l’aiuto di Menendez per un problema: un cittadino statunitense era stato ferito nel 2015 da un attacco aereo egiziano utilizzando un elicottero Apache di fabbricazione americana. L’incidente ha indotto i membri del Congresso a opporsi all’invio di ulteriori aiuti militari all’Egitto, almeno fino a quando l’Egitto non avesse offerto alla vittima una soluzione migliore. I pubblici ministeri affermano che Menendez ha studiato la questione online. Una settimana dopo, il funzionario egiziano, in un testo criptato, ha detto ad Hana in arabo che Menendez “si siederà molto comodamente” se avesse aiutato a risolvere il problema. “Consideralo fatto”, rispose Hana.

L’accusa non dice se Menendez alla fine abbia preso provvedimenti su quella particolare questione, ma descrive in dettaglio i suoi sforzi costanti per garantire che le vendite di armi statunitensi all’Egitto andassero a buon fine.

Pochi mesi dopo, Menendez visitò l’India in viaggio ufficiale. I pubblici ministeri affermano che “si è offerto di fornire la sua assistenza all’Egitto e a… Hana” durante il viaggio. “Il nostro uomo [Menendez] è in viaggio per l’India dopo due settimane e ci chiede se c’è qualche messaggio di cui abbiamo bisogno o qualcosa per cui [the Halal certification company]”, Hana ha mandato un messaggio al funzionario egiziano, dicono i pubblici ministeri. Questo sembra essere lo stesso viaggio durante il quale Menendez fece una proposta di matrimonio alla sua attuale moglie e coimputato al Taj Mahal, dopo aver cantato per lei.

La coppia è tornata al lavoro dopo il loro ritorno, dicono i pubblici ministeri. “Ogni volta che hai bisogno di qualcosa hai il mio numero e faremo in modo che tutto accada”, ha scritto Nadine Menendez al funzionario egiziano nel marzo 2020. Pochi giorni dopo, ha organizzato un incontro tra il funzionario e il senatore Menendez riguardo allo stallo dei colloqui tra Egitto ed Etiopia , e il Sudan per un progetto di diga etiope sul fiume Nilo che era una priorità per l’Egitto. Nell’aprile 2020, Menendez ha scritto ai segretari del Tesoro e dello Stato statunitensi, esortandoli ad aumentare il coinvolgimento degli Stati Uniti nei colloqui.

Ai funzionari governativi è vietato agire come agenti stranieri e per poterlo fare i cittadini regolari sono tenuti a registrarsi presso il Dipartimento di Giustizia. Per dimostrare una violazione delle leggi sul lobbismo straniero, a differenza della maggior parte degli statuti, i pubblici ministeri devono dimostrare che gli imputati avevano effettivamente compreso la legge e sapevano che le loro azioni erano illegali. Quando si tratta del senatore Menendez, i pubblici ministeri del Dipartimento di Giustizia hanno prove evidenti su questo fronte. Notano che tra il 2020 e il 2022, il senatore ha ripetutamente chiesto al dipartimento di indagare su un ex membro della Camera per presunta mancata registrazione come agente straniero. Nelle lettere al capo della sicurezza nazionale del Dipartimento di Giustizia, Menendez ha citato la legge in base alla quale è ora accusato. Se l’ex membro “ha svolto un lavoro che richiede la registrazione ai sensi della FARA”, ha scritto Menendez, “è imperativo che il Dipartimento di Giustizia garantisca che sia ritenuto responsabile”.

Origine: www.motherjones.com



Lascia un Commento