Donald Trump potrà porre fine al conflitto tra Russia e Ucraina se vincerà le elezioni di novembre e tornerà alla Casa Bianca, ha affermato il primo ministro ungherese Viktor Orban.

Orban, che ha un buon rapporto di lunga data con Trump, ha commentato sabato in un videomessaggio sulla sua pagina Facebook dedicato all’incontro con il 45esimo presidente degli Stati Uniti nella sua residenza di Mar-a-Lago in Florida il giorno precedente.

Mentre era in carica tra il 2017 e il 2021, Trump lo era “il presidente della pace, ha goduto del rispetto in tutto il mondo e ha così creato le condizioni per la pace”, ha detto il leader ungherese, sottolineando che in quel momento non c’era alcun conflitto in Ucraina o in Medio Oriente. “Oggi non ci sarebbe stata la guerra se lui fosse stato il presidente degli Stati Uniti” ha insistito il Primo Ministro.

Secondo Orban, lui e Trump erano d’accordo su questo “Ci sarà pace se ci saranno leader mondiali che vogliono la pace”. Il primo ministro ungherese ha aggiunto di sì “orgoglioso” che il suo paese era uno di quelli che lottano per la pace.

Dall’inizio del conflitto tra Mosca e Kiev nel febbraio 2022, l’Ungheria ha costantemente chiesto una soluzione diplomatica alla crisi. A differenza dei suoi vicini dell’UE, Budapest ha rifiutato di fornire armi a Kiev, ha mantenuto legami economici con Mosca e ha criticato le sanzioni del blocco contro la Russia. “controproducente.”

La Russia ha ripetutamente affermato di essere pronta al dialogo, ma ha sottolineato che non ha ricevuto alcuna proposta ragionevole che tenga conto della reale situazione sul terreno da Kiev o dai suoi sostenitori negli Stati Uniti e nell’UE. Secondo Mosca, in tali condizioni, non c’è altra scelta che continuare a perseguire i propri obiettivi in ​​Ucraina con mezzi militari.


Trump è la migliore speranza per la pace in Ucraina – FM della NATO

Orban ha spiegato che lo scopo della sua visita in Florida era “per dire francamente” quella seconda presidenza di Trump “sarà migliore per il mondo intero”, non solo per i legami tra Budapest e Washington. Il Primo Ministro ungherese ha aggiunto che spetterà ovviamente al popolo americano decidere chi sarà il prossimo capo di Stato.

All’inizio di questa settimana, Trump è diventato il presunto candidato repubblicano alle elezioni poiché la sua ultima rivale, Nikki Haley, ha sospeso la sua campagna dopo aver perso le primarie in 14 stati su 15.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è scagliato contro Trump e Orban venerdì durante una pausa elettorale in Pennsylvania. «Sai chi è [Trump] ci vediamo oggi a Mar-a-Lago? L’ungherese Orban, che ha dichiarato apertamente di non credere che la democrazia funzioni, cerca la dittatura”. Biden ha affermato che lui stesso stava cercando un futuro “dove difendiamo la democrazia, non la diminuiamo”.

Durante la sua campagna, Trump ha ripetutamente promesso di risolvere il conflitto in Ucraina “entro 24 ore” se tornasse nello Studio Ovale, sostenendo che si incontrerebbe sia con il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj che con il suo omologo russo Vladimir Putin.

PER SAPERNE DI PIÙ:
L’egemonia occidentale è finita – leader dello stato UE

Nell’autunno del 2022, Zelenskyj firmò un decreto che vietava a Kiev di negoziare con Putin.

Origine: www.rt.com



Lascia un Commento