Lisa Perdita reportage sul processo alla Brook House Three, clamorosamente dichiarata non colpevole dopo aver agito direttamente per ostacolare un furgone di espulsione.

Manifestazione di solidarietà fuori da Lewes Court il 30 maggio 2023. Foto di: Fermiamo le deportazioni.

Il 9 novembre 2021, tre persone si sono sdraiate sulla strada fuori dal Brook House Immigration Removal Center, nell’area dell’aeroporto di Gatwick. Usando tubi di metallo bloccabili montati l’uno sull’altro, si assicurarono con le braccia a una vicina fermata dell’autobus, si sdraiarono sul duro cemento e attesero.

All’interno dello stesso centro di detenzione – che è gestito a scopo di lucro da Serco, ed è stato teatro di una vasta gamma di ripugnanti violazioni dei diritti umani – i detenuti hanno lavorato 24 ore su 24 per cercare di evitare la deportazione in un paese in cui molti di loro non avevano connessioni, lontano dagli amici e dai cari con cui avevano costruito una vita nel Regno Unito. Alcuni stavano resistendo a essere trasferiti su un furgone di deportazione che li avrebbe portati a Birmingham, dove un aereo noleggiato li stava aspettando per deportarli in Giamaica. Quasi tutti quelli che dovevano essere sul volo stavano lavorando freneticamente alle sfide legali per le loro espulsioni. Come è normale in questi casi, lo stato aveva dato a molte persone solo pochi giorni di preavviso che sarebbero state espulse ed erano state cinicamente private della consulenza legale, il che significava che molti ricorsi legali erano appena stati presentati. Ogni minuto contava.

Sono passate diverse ore prima che la polizia fosse in grado di tagliare i dispositivi di blocco e rimuovere i manifestanti dalla strada fuori. La finestra si era chiusa per il trasporto dei detenuti di Brook House al volo quella sera. Inoltre, i manifestanti non erano una manciata isolata di individui, ma la manifestazione più visibile di un’ampia protesta della società civile contro la fuga, con comunità di migranti, organizzazioni di attivisti, ONG, avvocati di assistenza legale e alcuni parlamentari di sinistra che lavorano per fermare il volo e ottenere il rilascio dei deportati programmati. Di minuto in minuto, hanno preso forma i ricorsi legali e una persona dopo l’altra è stata informata che la loro espulsione era in fase di stallo. Quando il volo è partito nelle prime ore del mattino, a bordo c’erano solo quattro persone, di cui una stava (ufficialmente) lasciando il Regno Unito volontariamente.

Questa è stata una grande sconfitta per il governo Tory, ed è stata vista come tale. La fuga aveva segnato un significativo rubicone politico: per la prima volta dal Scandalo Windrush del 2018, il governo aveva cercato di organizzare un volo di espulsione verso la Giamaica che non fosse limitato a coloro che avevano condanne penali. Le persone che dovevano essere sul volo includevano i coniugi e i genitori di cittadini britannici, presunte vittime di tratta e schiavitù moderna, persone con legami familiari con gli arrivi di Windrush e molte persone che erano state nel Regno Unito sin dalla prima infanzia. Si potevano quasi leggere le macchie di sputo sul petulante comunicato stampa emesso la mattina dopo dall’allora ministro dell’Interno Priti Patel, in cui affermava di essere “assolutamente irritata” dal fallimento del volo e accusava le sue aspiranti vittime di essere “colpevoli” di crimini abominevoli come omicidio e reati sessuali su minori”.

Nella casa degli specchi etica della legge britannica sull’immigrazione, nessuna buona azione rimane impunita. Dopo essere maltrattato e minacciato per diverse ore dalla polizia pesantemente armata sulla strada, i bloccanti sono stati trattenuti per 22 ore in custodia di polizia. Le autorità li hanno lasciati in sospeso per 11 mesi prima di accusarli definitivamente nell’ottobre 2022 di “violazione aggravata” e “disturbo pubblico”. Quest’ultima accusa esiste da tempo nella common law inglese come reato arcaico e opaco con una pena massima dell’ergastolo, ed è stata convertita in reato legale, con una pena massima di 10 anni di reclusione, dallo scorso anno Legge sulla polizia, sulla criminalità, sulle condanne e sui tribunali. Sebbene gli imputati dovessero essere processati in base all’iterazione della legge applicata nel novembre 2021, il governo stava chiaramente guardando a questo caso per iniziare a creare un precedente per l’uso dell’accusa di “disturbo pubblico” contro attivisti dissenzienti.

Il processo

Gli attivisti sono stati infine processati altri otto mesi dopo, il 30 maggio 2023, per un processo che durerà fino al 13 giugno.

Presumibilmente, parte del motivo del ritardo era garantire che le controversie sul volo in Giamaica si fossero ritirate dall’attenzione pubblica prima dell’inizio dei processi. Ma se la speranza era che gli imputati venissero isolati, era decisamente mal riposta. Ogni giorno del procedimento, nella tribuna del pubblico era presente una serie di sostenitori, a dimostrazione chiara dell’attenzione del pubblico al caso e dell’investimento nel benessere dei detenuti. Circa 50 persone hanno fatto il viaggio a Lewes Crown Court nel Sussex per a manifestazione di solidarietà nella prima giornata di lavori. Al processo ho incontrato membri della comunità locale di Lewes – un seggio Tory e per niente un alveare di politica di sinistra – che avevano iniziato a venire in tribuna pubblica per mostrare il loro sostegno dopo aver appreso di cosa trattava il caso. Nonostante i migliori sforzi del governo, c’è ancora profondo rispetto e comprensione in Gran Bretagna per coloro che mettono in gioco la loro sicurezza e libertà per una causa di giustizia e solidarietà.

Fin dall’inizio, lo stato ha tentato di impedire agli imputati di esprimere in modo significativo le loro ragioni per agire. A causa di lunghe controversie procedurali relative a regolamenti processuali governativi o precedenti giurisprudenziali ostili derivanti da precedenti decisioni legali, agli imputati è stato impedito di ammettere alcune delle loro prove più convincenti, inclusa l’analisi di esperti sulla minacce alla vita dei deportati in Giamaica, e la testimonianza sulla catena di eventi di uno degli stessi aspiranti deportati. La giuria è stata per lo più tenuta all’oscuro dell’effettiva differenza che il blocco ha apportato al benessere dei detenuti, consentendo all’accusa di fare la ridicola affermazione che le azioni degli imputati non hanno avuto un impatto significativo sulla situazione dei detenuti.

In aula, era chiaro che lo sforzo dell’accusa statale stava incanalando l’attuale moda ideologica di destra contro il dissenso e la protesta. I pubblici ministeri hanno ripetutamente chiesto di sapere perché gli imputati non si fossero accontentati di atti minori di input civile come scrivere ai loro parlamentari, e ad un certo punto hanno suggerito che gli imputati avrebbero potuto risolvere le loro preoccupazioni semplicemente informando la polizia dei rischi per la salute e la sicurezza di detenuti. I pubblici ministeri hanno intessuto una scena fantasiosa in cui la polizia assediata si era sforzata di proteggere gli attivisti dall’essere investiti da automobilisti arrabbiati; in realtà, la strada bloccata era un tranquillo percorso logistico all’aeroporto di Gatwick e l’unico veicolo direttamente bloccato era un camion di rifornimenti per un bar dell’aeroporto. In linea con il modello ideologico dell’attuale governo, i pubblici ministeri hanno avanzato la tenue argomentazione secondo cui le azioni degli imputati erano sia una “seccatura” che un’irrilevanza – un’azione allo stesso tempo dirompente per il pubblico e irrilevante per il raggiungimento dei suoi obiettivi.

Nonostante le severe restrizioni imposte loro, gli imputati si sono comportati magnificamente, spiegando ripetutamente il ragionamento semplice, umano e urgente che ha motivato le loro azioni. Di volta in volta, i pubblici ministeri sono stati fatti sembrare sciocchi venendo rispettosamente corretti nel loro scadente resoconto dei fatti, e si sono trovati di fronte a un’incrollabile chiarezza morale che era umiliante da testimoniare.

Non dispiaciuto, non colpevole

Quando la giuria è tornata dalla deliberazione, a mezzogiorno di martedì della terza settimana del processo, ha consegnato una meravigliosa rivendicazione dell’azione diretta non violenta e della solidarietà sociale: i Brook House Three sono stati dichiarati non colpevoli di tutte le accuse.

Gli imputati avevano vissuto sotto la minaccia di accusa e condanna non solo per due settimane, ma per oltre 18 mesi. È importante non sottovalutare il disagio ei rischi psicologici a cui sono stati esposti in questi lunghi mesi di attesa, affrontando un calvario che potrebbe finire in carcere. Il Crown Prosecution Service ha deciso di isolare e demonizzare gli antirazzisti e, non per la prima volta, non è riuscito a farlo.

Dovremmo essere rincuorati dal fatto che sia stato possibile per gli imputati presentarsi alla giuria con un’argomentazione chiara e senza compromessi secondo cui il regime di espulsione è un male che deve essere ostacolato. Quando gli imputati hanno intrapreso la loro azione 20 mesi fa, hanno messo la loro libertà e il loro futuro nelle mani di un gruppo di loro coetanei, a loro ancora sconosciuti, per stare con un altro gruppo di vicini, detenuti e minacciati, anch’essi per lo più sconosciuti a loro. Tutti possiamo imparare dall’atto di fede che questi compagni hanno compiuto, tanto quanto dal loro coraggio e impegno nei confronti dei loro principi.

La brutalità kafkiana del regime di detenzione e deportazione, e atti ispiratori di resistenza ad esso, sono in corso. Lo stesso vale per i crescenti attacchi statali alla libertà politica e al diritto di sciopero e protesta. Dovremmo assaporare momenti come questi che squarciano il velo della propaganda generata dal governo Tory e dai loro media clienti, che rivendicano un mandato generale da “The People” per la loro agenda razzista. La nostra forza e resilienza come socialisti e attivisti devono essere nella solidarietà, nella nostra capacità di stare con i nostri vicini e di sostenerli. Dovremmo ricordare che la giustizia e la solidarietà non sono solo di più potente del dispetto e della persecuzione, sono anche più popolari.



Origine: www.rs21.org.uk



Lascia un Commento