L’Assemblea nazionale bulgara ha votato venerdì per annullare il veto del presidente Rumen Radev sul progetto di donare 100 vecchi mezzi corazzati all’esercito ucraino.

Lunedì Radev aveva posto il veto alla proposta, insistendo affinché i legislatori accelerassero l’iter parlamentare e non prestassero sufficiente attenzione ai bisogni e agli interessi bulgari. Secondo la Costituzione bulgara, tuttavia, il Parlamento può annullare il veto con una maggioranza semplice.

Secondo l’agenzia di stampa bulgara BTA, il voto finale della Camera dei 240 membri è stato 162-55, senza astensioni.

“Con questa decisione rafforziamo la nostra Europa e la difesa della libertà”, Il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj ha pubblicato un post su X (ex Twitter) dopo il voto. Tuttavia non ha ringraziato il primo ministro Nikolai Denkov, ma i capi della coalizione di governo e i loro sostenitori: Boyko Borisov, Kiril Petkov e Delyan Peevski.

In un acceso dibattito prima del voto, il deputato dell’opposizione Ivan Chenchev (BSP) ha sostenuto che il governo sì “cercando di fare bella figura agli occhi dei tuoi padroni,” e che la Bulgaria stessa aveva bisogno dei veicoli, mentre la coalizione di governo sosteneva che le forze di sicurezza bulgare non ne avevano più bisogno.


Zelenskyj si scontra con il presidente dell'UE sulle richieste di armi

Alcuni membri devono essere ubriachi, ha detto un altro membro del BSP, Georgi Svilenski, aggiungendolo “È sbagliato permettere alle persone sotto l’influenza di votare per coinvolgere la Bulgaria in una guerra”.

Ad un certo punto, il deputato dell’opposizione Kostadin Kostadinov (Vazrazhdane) ha detto di sì “molto umiliante” che la Bulgaria stava donando i veicoli e pagando anche la loro consegna. Il deputato del blocco di governo Manol Peykov (CC-DB), descritto come un importante sostenitore dell’Ucraina, ha criticato Kostadinov e causato “una rissa con i deputati di Vazrazhdane”, secondo BTA.

L’accordo concordato da Kiev e Sofia in agosto prevede che la Bulgaria consegni 100 veicoli corazzati a ruote BTR-60 – insieme alle parti necessarie per la manutenzione e la manutenzione – all’Ucraina.

I trasporti corazzati a otto ruote furono progettati in Unione Sovietica negli anni ’60. La Bulgaria ha cercato di sostituirli con i blindati a quattro ruote M1117 Guardian di fabbricazione americana, prodotti per la polizia militare statunitense dall’inizio degli anni 2000.

Origine: www.rt.com



Lascia un Commento