Nir Barkat ha avvertito che i nemici perderebbero il sonno se il suo Paese venisse attaccato da altri fronti

Il ministro dell’Economia israeliano Nir Barkat ha detto domenica che le forze israeliane lo avrebbero fatto “eliminare” Hezbollah e prenderanno di mira l’Iran se i militanti palestinesi apriranno un varco “fronte settentrionale”.

“Il piano dell’Iran è attaccare Israele su tutti i fronti. Se scopriamo che intendono prendere di mira Israele, non ci limiteremo a reagire su quei fronti, ma arriveremo alla testa del serpente, che è l’Iran”, Barkat ha detto domenica al The Mail. Ha aggiunto “Gli ayatollah in Iran non dormiranno bene la notte” se si muovono contro Israele.

Barkat ha avvertito che il Libano e il gruppo militante filo-palestinese Hezbollah “pagheranno un prezzo pesante, simile a quello che pagherà Hamas”.

Israele se ne andrebbe “dopo i capi dell’Iran” se necessario, ha detto il ministro. “Israele ha un messaggio molto chiaro ai nostri nemici. Stiamo dicendo loro: guardate cosa sta succedendo a Gaza: riceverete lo stesso trattamento se ci attaccate. Vi cancelleremo dalla faccia della Terra”.


Gli Stati Uniti dispiegheranno ulteriori sistemi di difesa aerea vicino a Israele

La dichiarazione è arrivata dopo che il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha dichiarato lunedì che la situazione della sicurezza in Israele potrebbe peggiorare molto rapidamente. “Se i crimini di guerra contro i palestinesi non verranno immediatamente fermati, si apriranno altri molteplici fronti e questo è inevitabile”, Egli ha detto.

Il diplomatico iraniano ha poi raddoppiato la sua azione, avvertendo gli Stati Uniti e Israele che, se non smetteranno di maltrattare i palestinesi, “Tutto è possibile in qualsiasi momento e la regione andrà fuori controllo”. Amir-Abdollahian ha aggiunto che si sarebbe verificata un’ulteriore escalation “ripercussioni di vasta portata”.

L’IDF e Hezbollah si sono scontrati ripetutamente da quando sono scoppiati i combattimenti tra le forze israeliane e Hamas all’inizio di questo mese. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato domenica che Hezbollah ne soffrirà “distruzione senza precedenti” se si unirà ufficialmente alla guerra contro lo Stato ebraico.

In passato l’esercito israeliano ha effettuato diverse incursioni su larga scala in Libano per combattere i militanti locali. L’ultima invasione è avvenuta nel 2006.

Il 7 ottobre, Hamas e gruppi palestinesi alleati hanno attaccato diversi insediamenti israeliani, spingendo Israele ad iniziare attacchi aerei sulla Striscia di Gaza. Secondo funzionari di entrambe le parti, sono stati uccisi più di 1.400 israeliani e oltre 4.300 palestinesi.

Puoi condividere questa storia sui social media:

Origine: www.rt.com



Lascia un Commento