Gli attacchi registrati contro ebrei e musulmani sono aumentati rispettivamente del 1.353% e del 140%.

I crimini d’odio contro ebrei e musulmani sono aumentati vertiginosamente nella capitale britannica nel contesto della drammatica escalation del conflitto Israele-Hamas, ha rivelato la polizia metropolitana.

“Purtroppo, nonostante la maggiore presenza di agenti, abbiamo assistito a un aumento significativo dei crimini ispirati dall’odio in tutta Londra”, ha detto il Met in una dichiarazione venerdì. Hanno aggiunto che tra il 1° e il 18 ottobre sono stati registrati 218 reati antisemiti rispetto ai 15 dello stesso periodo dell’anno scorso. Nel frattempo i reati di islamofobia sono passati da 42 a 101.

“Questi [figures] rappresentano aumenti percentuali rispettivamente del 1.353% e del 140%,” ha detto la polizia.

Sono state arrestate un totale di 21 persone, tra cui un uomo sospettato di aver deturpato manifesti di israeliani catturati dai militanti palestinesi e un altro uomo sospettato di aver disegnato graffiti islamofobici sulle fermate degli autobus.

Il Met ha sottolineato che stanno lavorando a stretto contatto sia con la comunità ebraica che con quella musulmana “fornire rassicurazione e indagare sui reati nelle vicinanze delle scuole religiose, dei luoghi di culto e in quelle comunità dove sappiamo che i livelli di preoccupazione sono più alti”.


Il politico turco elogia Hitler per aver ucciso gli ebrei

Il Community Security Trust (CST), un ente di beneficenza che mira a proteggere gli ebrei britannici, ha dichiarato venerdì di aver registrato almeno 533 incidenti antisemiti da quando sono scoppiati i combattimenti in Medio Oriente il 7 ottobre, il totale più alto mai registrato all’interno del paese. un periodo di 14 giorni.

L’ondata di crimini d’odio è stata segnalata anche in altri paesi, tra cui Germania, Canada e Stati Uniti, dove venerdì il presidente Joe Biden ha esortato tutti a condannare sia l’antisemitismo che l’islamofobia.

Il 7 ottobre, Hamas e gruppi militanti alleati hanno attaccato Israele, provocando attacchi aerei di ritorsione sulla Striscia di Gaza. Nei combattimenti sono stati uccisi oltre 1.400 israeliani e più di 4.000 palestinesi.

Puoi condividere questa storia sui social media:

Origine: www.rt.com



Lascia un Commento