L’8 febbraio, i lavoratori laureati in sciopero alla Temple University, un’istituzione pubblica nel North Side di Filadelfia, ricevuto nota che la loro remissione delle tasse scolastiche per il semestre primaverile sarebbe stata rimossa, “a seguito della tua partecipazione allo sciopero del TUGSA”. La Temple University Graduate Students’ Association, una federazione americana di insegnanti (AFT) locale che comprende 750 assistenti di insegnamento e ricerca, √® in sciopero dal 31 gennaio. che hanno tempo fino al 9 marzo per pagare il saldo se vogliono rimanere iscritti alle classi – la vertenza di lavoro ha assunto un nuovo tenore.

L’amministrazione ha anche spento Benefici dell’assicurazione sanitaria per gli scioperanti, una mossa di cui alcuni membri del TUGSA hanno appreso solo quando hanno cercato di riempire le prescrizioni nelle farmacie. Tale rappresaglia in uno sciopero dell’istruzione superiore √® tutt’altro che normale: mentre altre amministrazioni hanno minacciato di negare benefici come l’assicurazione sanitaria agli scioperanti, nessuna √® arrivata fino a Temple.

TUGSA cercher√† una sfida legale alle azioni dell’amministrazione; l’universit√† ha difeso le sue azioni come legali, affermando che gli studenti erano stati avvertiti che prendere parte allo sciopero e non presentarsi al lavoro avrebbe fatto perdere loro l’intero pacchetto di compensazione, che include l’assistenza alle tasse scolastiche e l’assicurazione sanitaria gratuita.

“Questa √® una manovra di ritorsione senza precedenti”, afferma Mathias Fuelling, dottorando in storia del settimo anno e membro del TUGSA. Fueling osserva che in altri scioperi dei lavoratori neolaureati, come quelli dell’Universit√† della California e della Columbia, le amministrazioni universitarie non si sono spinte a tal punto per reprimere le azioni sindacali. “Stanno premendo il pulsante nucleare”, dice del suo datore di lavoro.

Anche la punizione √® casuale. I lavoratori affermano che anche ad alcune persone che sono in borsa e quindi non in TUGSA, o che non hanno partecipato allo sciopero, √® stata revocata l’indennit√†. √ą un segno di un’amministrazione che cerca disperatamente di reprimere lo sciopero.

Il TUGSA e l’amministrazione universitaria stanno negoziando un nuovo contratto da pi√Ļ di un anno e tra le due parti rimane una distanza significativa. Uno dei principali punti critici riguarda gli stipendi: TUGSA afferma che lo stipendio medio dei suoi membri √® di circa $ 19.500. Il sindacato propone di aumentarlo a $ 32.807 per tutta la durata del contratto: quel numero √® il costo della vita stimato a Filadelfia quando i lavoratori hanno iniziato a prepararsi a contrattare pi√Ļ di un anno fa. (Secondo il calcolatore del salario dignitoso del MIT, il costo della vita per un individuo senza figli a Filadelfia √® ora di $ 36.455).

Altre priorit√† per il sindacato includono il congedo parentale retribuito e i costi dell’assicurazione sanitaria. I membri del TUGSA hanno attualmente cinque giorni di congedo parentale retribuito, un importo che Bethany Kosmicki, ex presidente del TUGSA e dottoranda in sociologia, definisce ‚Äúnon sostenibile per le persone che hanno figli o per coloro che potrebbero volerlo fare in futuro. “

“L’aggiunta di dipendenti ai nostri piani di assistenza sanitaria √® proibitivo in questo momento”, afferma Kosmicki, che fa parte del team di negoziazione di TUGSA. “A seconda di quante persone a carico hai, pu√≤ variare tra il 30 e l’86 percento del tuo stipendio annuo totale solo per avere una persona a carico del tuo piano.”

Nonostante queste pressanti preoccupazioni, i lavoratori affermano che l’amministrazione dell’universit√† continua a temporeggiare e si rifiuta di contrattare fino a quando il sindacato non effettuer√† tagli significativi alle sue proposte. Non sono previste future date di contrattazione.

“Provengono da una posizione di estrema ostinazione”, afferma Matt Ford, capo negoziatore di TUGSA e dottorando in sociologia. “√ą una mancanza di seriet√† molto irrispettosa rispetto a ci√≤ con cui la nostra gente ha a che fare”.

Ford afferma che mentre gli aumenti delle retribuzioni dei lavoratori si avvicinavano almeno all’aumento del costo della vita, la distanza tra i due √® aumentata. Ci√≤ pu√≤ aiutare a spiegare perch√©, quando il TUGSA ha votato per l’autorizzazione dello sciopero nel novembre dello scorso anno, il 99% dei voti era a favore dell’autorizzazione dello sciopero.

La rappresaglia di Temple potrebbe aver avuto lo scopo di intimidire i lavoratori, aumentando la pressione su di loro affinch√© accettassero un cattivo contratto. Ma ha anche catapultato la disputa di lavoro sui titoli nazionali, incanalando la solidariet√† verso il sindacato. I lavoratori affermano di aver ricevuto il sostegno di entrambi i senatori della Pennsylvania, nonch√© di una miriade di funzionari e sindacati locali. Il senatore di stato Nikil Saval e il procuratore distrettuale di Filadelfia Larry Krasner hanno incontrato il sindacato nei giorni scorsi, cos√¨ come il presidente del sindacato di Amazon Chris Smalls e il presidente dell’AFT Randi Weingarten. Le donazioni alla cassa di sciopero del sindacato continuano ad affluire. Il giorno dopo che gli scioperanti hanno iniziato a ricevere avvisi che la loro remissione delle tasse scolastiche e l’assicurazione sanitaria sarebbero stati revocati, il Consiglio comunale di Filadelfia ha approvato una risoluzione che condanna le azioni dell’universit√† e sostiene il sindacato.

“Abbiamo un’enorme base di supporto, perch√© tutti riconoscono che ci√≤ che Temple sta facendo √® ingiusto”, afferma Fuelling. In materia di libert√† accademica, lo sciopero a Temple √® diventato una battaglia in prima linea. ‚ÄúSe Temple vince questo, crea un precedente per come le universit√† pubbliche di ritorsione possono essere contro il lavoro sindacale laureato in tutto il paese. Questa √® una battaglia per il futuro dell’istruzione superiore in miniatura: la nostra battaglia √® diventata una battaglia per tutti‚ÄĚ.

Mentre l’amministrazione afferma che “oltre l’80% dei lavoratori laureati dell’universit√† non era attualmente in sciopero e continua a ricevere i propri sussidi”, i membri del TUGSA affermano che la partecipazione √® circa il doppio rispetto ai numeri dell’amministrazione. Inoltre, la rabbia generata dalla risposta di Temple sta facendo crescere quei numeri. Mentre Fuelling, Kosmicki e Ford stavano andando alla biblioteca del campus per chiamarmi, uno studente laureato li ferm√≤. Non aveva partecipato allo sciopero, ma ora voleva aderire. Lo hanno iscritto per alcuni turni al picchetto prima di tornare alla nostra intervista.



Origine: jacobin.com



Lascia un Commento