In un undicih-ora Nel tentativo di preservare ed espandere i poteri di sorveglianza senza mandato del governo federale, la scorsa settimana la House Intelligence Committee ha presentato un disegno di legge che ha il pieno sostegno degli alti funzionari delle forze dell’ordine nominati da Donald Trump. Il disegno di legge, che è stato descritto dai sostenitori delle libertà civili come “la più grande espansione della sorveglianza governativa nazionale dai tempi del Patriot Act”, aumenterebbe l’accesso delle agenzie di sorveglianza federale alle comunicazioni dei cittadini statunitensi quasi senza alcun controllo o restrizione federale.

I poteri di spionaggio interno del governo federale derivano dalla Sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, o FISA, che è stato rinnovato dopo l’11 settembre per creare poteri di raccolta di dati di massa, è stato regolarmente abusato e manipolato, ed è destinato a scadere alla fine dell’anno. quest’anno. Anche se i sostenitori del disegno di legge – tra cui il presidente della Commissione Intelligence della Camera Mike Turner e il deputato democratico Jim Himes – hanno descritto il disegno di legge come una “riforma”, esso contiene una disposizione che amplierebbe il campo delle aziende obbligate a fornire informazioni agli investigatori senza un mandato.

Lo sono un certo numero di falchi che hanno ricoperto incarichi chiave nell’intelligence nell’amministrazione Trump puntando al suo passaggio. La spinta arriva mentre il presidente Joe Biden continua a cadere nei sondaggi, mentre Trump rinnova il suo desiderio di esercitare poteri totalitari. “Voglio essere un dittatore per un giorno”, ha detto di recente. “Sai perché volevo essere un dittatore? Perché voglio un muro e voglio perforare, perforare, perforare.

Gli esperti di diritti civili avvertono che gli ampi poteri che il disegno di legge del Comitato di intelligence creerebbe rappresenterebbero un pericolo per qualsiasi amministrazione presidenziale, e una minaccia particolare qualora Trump vincesse le elezioni del 2024. “Sembra che Jim Himes stia disperatamente gettando nelle mani di Donald Trump un’espansione della sorveglianza senza mandato simile al Patriot Act”, ha detto a The Intercept Sean Vitka, direttore politico di Demand Progress. “È più che inaccettabile e deve essere denunciato.”

Secondo Wired, il disegno di legge del Comitato dell’Intelligence è stato tranquillamente sostenuto dalla Casa Bianca e dagli alti funzionari della comunità dell’intelligence.

La Commissione Giustizia della Camera, nel frattempo, libera dall’influenza esercitata dalle agenzie di spionaggio sulla Commissione Intelligence, ha avanzato un atto legislativo concorrente, che indebolirebbe l’autorità 702 costringendo i funzionari governativi a ottenere mandati prima del suo utilizzo, oltre a un una serie di altre riforme che impedirebbero la raccolta di dati senza mandato. Al Congresso, il disegno di legge è sostenuto dai membri del Congressional Progressive Caucus e dal Freedom Caucus di destra. È anche sostenuto da sostenitori delle libertà civili, tra cui la Electronic Frontier Foundation e l’American Civil Liberties Union.

Martedì, è probabile che la Camera voti la legislazione della Sezione 702 attraverso un processo noto come Queen of the Hill. L’insolita procedura parlamentare metterebbe i due progetti di legge in competizione in votazione, con una semplice maggioranza “chi vince prende tutto” necessaria per garantire l’approvazione. Il leader della minoranza, rappresentante Hakeem Jeffries, DN.Y., non ha risposto alla richiesta di The Intercept di commentare la sua posizione sugli sforzi di riautorizzazione del duello.

Questa settimana il Congresso voterà anche il National Defense Authorization Act, un disegno di legge da approvare che contiene una disposizione che estende l’autorità 702 nella sua forma attuale fino ad aprile.

La sezione 702 consente al governo degli Stati Uniti di raccogliere le comunicazioni di cittadini non statunitensi all’estero, ma in pratica consente al governo di sorvegliare anche gli americani che sono in contatto con cittadini stranieri. L’autorità è stata utilizzata per condurre migliaia di perquisizioni “backdoor” su cittadini statunitensi, inclusi funzionari eletti e attivisti. Il potere di spionaggio garantisce al governo la capacità di costringere i fornitori di telecomunicazioni a fornire informazioni sui suoi obiettivi. Il testo del disegno di legge del Comitato di Intelligence amplierebbe la definizione di entità che devono conformarsi alle richieste ai sensi del 702, rendendolo tale che quasi tutte le società o organizzazioni coinvolte nelle comunicazioni dovrebbero fornire informazioni agli investigatori senza mandato.

La rappresentante Zoe Lofgren, D-Calif., lo ha descritto come un “Patriot Act 2.0”. Elizabeth Goitein, co-direttrice del Programma Libertà e Sicurezza Nazionale presso il Brennan Center, ha affermato che il disegno di legge della House Intelligence Committee avrebbe conseguenze devastanti per gli americani comuni. “Hotel, biblioteche, caffetterie e altri luoghi che offrono Wi-Fi ai propri clienti potrebbero essere costretti a fungere da spie surrogate. Potrebbe essere loro richiesto di configurare i loro sistemi per garantire che possano fornire al governo l’accesso a interi flussi di comunicazioni”, ha spiegato twittato. “Anche un tecnico che viene a riparare il wifi di casa tua rispetterebbe la definizione rivista: quella persona è un ‘dipendente’ di un ‘fornitore di servizi’ che ha ‘accesso’ alle ‘apparecchiature’ (il tuo router) su cui vengono effettuate le comunicazioni”. trasmesso”.

Turner, presidente dell’Intelligence Committee, di recente pubblicizzato il sostegno degli alleati di Trump che hanno prestato servizio nella CIA, nel Dipartimento di Giustizia e in altri incarichi nella comunità dell’intelligence. In una lettera indirizzata al presidente della Camera la scorsa settimana, Mike Pompeo, William Barr, John Ratcliffe, Robert O’Brien e Devin Nunes hanno sottolineato l’importanza di riformare la FISA, lodando cambiamenti marginali come la supervisione del Congresso sulla corte FISA e respingendo la spinta per una riforma della FISA. un requisito di mandato.

Oltre al requisito del mandato, il disegno di legge della Commissione giudiziaria, sponsorizzato dal deputato Andy Biggs, R-Ariz., affronta un altro metodo per la raccolta di dati senza mandato, a lungo praticato dal Dipartimento di Giustizia e dalla comunità dell’intelligence. Colmerebbe una scappatoia che consentirebbe al governo di aggirare il divieto di acquistare dati privati ​​direttamente dalle aziende e di utilizzare invece broker terzi per acquistare gli stessi dati da una fonte indiretta.

Biggs, membro del Freedom Caucus, si è unito alla presidentessa del Congressional Progressive Caucus Pramila Jayapal, D-Wash., e ad altri parlamentari chiedendo ai leader democratici e repubblicani di entrambe le camere di sostenere il suo disegno di legge. “La comunità dell’intelligence sta attaccando il nostro diritto alla privacy previsto dal Quarto Emendamento. Gli attori disonesti continuano ad abusare della Sezione 702 della FISA per spiare impropriamente i cittadini americani, ed è ormai giunto il momento che questa pratica finisca. Il Quarto Emendamento garantisce agli americani una ragionevole aspettativa di privacy, e al governo non dovrebbe mai essere data l’opportunità di aggirare la Legge suprema del Paese”, ha scritto Biggs in un comunicato stampa che accompagna una lettera ai leader del Congresso.

Jayapal, da parte sua, ha affermato che la legge dovrebbe essere rivista per proteggere i diritti costituzionali degli americani e i loro dati sensibili: “La riautorizzazione prevista dalla Sezione 702 dovrebbe essere soggetta a un attento esame e dibattito e non può essere inclusa in una legislazione più ampia e obbligatoria”, ha affermato. ha scritto. “Il Congresso deve lavorare per impedire al governo di spiare senza alcuna garanzia gli americani”.



Origine: theintercept.com



Lascia un Commento