Potresti essere felice di sapere che ora puoi leggere i romanzi di James Bond di Ian Fleming con riferimenti razzisti eliminati. Ma la misoginia rimane, inclusa l’idea che le donne “amino il semi-stupro” insieme al tropo del cattivo disabile.

Il “montaggio sensibile” degli editori di classici di scrittori come Fleming, Roald Dahl e Agatha Christie ha creato una tempesta in una tazza di t√®. I guerrieri anti-“svegliati” l’hanno denunciata come censura, mentre il loro pubblico di estrema destra sta conducendo una determinata campagna per la censura.

I tempi delle storie di drag queen per bambini sono sotto attacco negli Stati Uniti, in Australia, nel Regno Unito e in Europa. Centinaia di libri vengono strappati dagli scaffali delle biblioteche scolastiche negli Stati Uniti, compresi quelli di Jodi Picoult, Toni Morrison e James Patterson. Anche la Bibbia viene rimossa da alcuni.

Ho guardato le modifiche evidenziate nei media. Strappano il linguaggio dal contesto sociale, danno priorit√† al superficiale rispetto alla sostanza, sono spesso inutili o fuori luogo. Non c’√® rifiuto dell’etero-normativit√†, dei tropi degradanti della disabilit√† o del pregiudizio anti-classe operaia, omofobo o anti-irlandese che abbondano in questi classici. Non ci proteggono da offese o ferite e non fanno nulla per eliminare stereotipi dannosi.

Il punto non è difendere i testi originali, ma riconoscere che gli editori sono solo un altro gruppo di capitalisti che saltano sul carro della politica dei gesti, sperando di aumentare i profitti.

Da Roald Dahl I Twits, la parola “strano” √® tagliata dalla frase “strano linguaggio africano delle scimmie”. Perch√© non eliminare invece “africano”? In ogni caso, rimane un testo vile e misantropico che utilizza tropi volgari, compreso quello di una donna brutta sfigurata con un occhio di vetro. E i bambini sono incoraggiati a trovare divertente la crudelt√† verso gli umani e le scimmie.

L’Augusto Gloop di Dahl non √® pi√Ļ ‚Äúenormemente grasso‚ÄĚ, ma solo ‚Äúenorme‚ÄĚ. Che vittoria per chi √® soggetto a body shaming. Un riferimento a una donna come “vecchia strega” diventa un “vecchio corvo”. Le stregheallietando il cuore di ogni antisessista!

Christie √® famigerata per un romanzo, il cui titolo era un verso di una famosa canzone dei menestrelli che includeva la parola N. Il romanzo non ha nulla a che fare con il razzismo e il titolo √® stato cambiato senza clamore decenni fa. Non √® mai stato utilizzato negli Stati Uniti. La fissazione su quell’offesa significa che non si fa menzione dei suoi tropi antisemiti.

Invece, i resoconti dei media hanno evidenziato il fatto che la parola “nero”, usata da Christie per descrivere il signor Akibombo, un africano occidentale, √® stata cancellata in Bacino di Hickory Dickory. Non hanno sentito parlare di Black Pride negli anni ’60, Black Power, Black Panthers, Black Lives Matter? OK, pu√≤ essere razzista in un contesto particolare, ma non lo √® qui.

E all’inizio del libro c’√® un chiaro rifiuto del razzismo anti-africano. La proprietaria dell’ostello per studenti a Londra, dove √® ambientato il romanzo, suggerisce che se gli studenti americani sostengono la barra dei colori, si sbarazzerebbe degli studenti provenienti da posti come l’India e l’Africa.

‚Äú’Non finch√© sono al comando’, ha detto la signora Hubbard [the hostel matron] freddamente. ¬ęE comunque, ti sbagli. Non c’√® nessun sentimento del genere qui tra gli studenti… Sally [a white American] e il signor Akibombo pranzano insieme abbastanza spesso, e nessuno potrebbe essere pi√Ļ nero di lui’‚ÄĚ.

L’adattamento del romanzo della BBC si fa beffe delle pretese di montaggio secondo la sensibilit√† odierna. Supponendo che Christie fosse razzista, per sicurezza hanno semplicemente tagliato tutte le persone di colore nell’ostello dalla narrazione. Quindi, invece di studenti di colore che vivono amichevolmente con i bianchi, sono tutti bianchi!

Alcune persone di sinistra sono inclini ad accogliere con favore le modifiche. Sarebbe comprensibile se non fossero cos√¨ simbolici. Tuttavia, a parte la logistica dell’editing di secoli di letteratura, ci sono serie obiezioni.

√ą stato un passo avanti quando gli attivisti del movimento sociale hanno stabilito che la lingua √® importante. √ą positivo che gli autori che scrivono oggi ricevano consigli sui termini offensivi.

Ma il linguaggio non √® l’essenza dell’oppressione. Riflette gli atteggiamenti generati dalla realt√† sociale. Il suo significato √® radicato nel contesto politico, storico e culturale. Ecco perch√© pu√≤ cambiare con le lotte contro l’oppressione. √ą vero che il linguaggio pu√≤ rafforzare atteggiamenti bigotti, ma non provoca la discriminazione strutturale e la disuguaglianza che costituiscono l’oppressione.

L’incontro con un linguaggio obsoleto pu√≤ essere un’apertura per i giovani per conoscere il contesto di tali testi. Proteggere i giovani o gli anziani dalla possibilit√† di essere sconvolti da testi obsoleti nega loro la conoscenza essenziale, dimostrando che le lotte hanno cambiato il mondo in meglio. L’ignoranza di quel passato avvantaggia solo gli sforzi della destra politica per tornare alle condizioni che hanno generato il linguaggio discutibile in primo luogo.

Il fatto duro √® che non √® possibile vivere in un bozzolo sicuro. L’estrema destra √® in marcia. Proteggere i giovani, o addirittura gli adulti, da testi storici offensivi non li prepara a riconoscere l’agenda della destra. Questo √® il primo passo per diventare un combattente fiducioso per respingerli nelle fogne da cui stanno emergendo.

Origine: https://redflag.org.au/article/publishers-bandwagon-gesture-politics



Lascia un Commento