Illustrazione di Madre Jones; Getty

Combatti la disinformazione: iscriviti gratuitamente Madre Jones quotidiano newsletter e seguire le notizie che contano.

Fino alla scorsa settimana, nessuno studio era mai stato pubblicato che testasse i prodotti del periodo – tamponi, assorbenti, dischi, coppette e biancheria intima – usando sangue umano. Una squadra di quattro donne appena cambiato quello.

Il 7 agosto, la dottoressa Bethany Samuelson Bannow e un gruppo dell’Oregon Health & Science University di Portland hanno pubblicato uno studio per testare i livelli di saturazione e capacità nei prodotti mestruali nella speranza di comprendere meglio come diagnosticare il sanguinamento mestruale abbondante, o HMB, che colpisce milioni di persone. degli americani.

Perché ci è voluto così tanto tempo per testare un prodotto realizzato per contenere sangue umano con sangue umano? “Penso che con la salute delle donne, inclusa la salute mestruale, siamo stati un po’ indietro rispetto alla palla otto”, mi ha detto il dottor Bannow. “Non hanno nemmeno richiesto che le donne fossero incluse negli studi NIH fino al 1993. Penso che questo dica ciò a cui diamo la priorità come società”.

I fornitori che cercano di diagnosticare l’HMB dipendono dall’autosegnalazione, che può essere soggettiva con le persone che cadono preda di miti e diseducazione. Un paziente che avverte dolore, affaticamento o altri sintomi correlati entrerà e chiederà: È normale? Per capire se l’emorragia è eccessiva, i medici cercano di accertare quanti prodotti mestruali vengono utilizzati all’ora. Ma la misura è imperfetta. Le mestruazioni cambiano i prodotti per tantissime ragioni; e i prodotti possono affermare di poter sostenere una certa quantità di “flusso”, ma la loro capacità effettiva è diversa. Questo è ciò che la dottoressa Bannow sperava di chiarire nei suoi test.

Il team ha preso 21 prodotti diversi e li ha saturati o riempiti con globuli rossi umani scaduti. Non corrisponde esattamente al sangue mestruale, che ha coaguli e secrezioni, ma è molto più vicino dell’acqua salata. Nella loro ricerca, hanno scoperto che il modo in cui le aziende etichettavano le scatole non corrispondeva ai loro risultati. La maggior parte dei prodotti mestruali ha riferito di avere una capacità maggiore di quella rilevata dai test.

“[There is a] disconnettersi tra chi realizza i prodotti e quali sono i loro obiettivi e quelli di noi che li utilizzano come metodo diagnostico “, ha affermato il dott. Bannow, un ematologo che lavora con i pazienti con HMB, “Penso [that] gioca un ruolo” in questo essere il primo studio a utilizzare sangue umano.

Il dottor Bannow e io abbiamo parlato della loro ricerca, delle sue implicazioni e di come lo stigma sul ciclo mestruale sangue continua a soffocare le cure.

Potresti dirmi qualcosa su come hai appreso o scoperto che non era stato pubblicato nessuno studio che testasse prodotti mestruali con sangue umano?

In previsione di un altro studio, abbiamo approfondito la letteratura cercando di capire quanto dovrebbero assorbire i diversi prodotti del periodo. Ed è allora che ho saputo della The Tampon Task Force degli anni ’80. [Editor’s note: At the request of the Food and Drug Administration, industry leaders and other stakeholders convened as part of The Tampon Task Force in 1982 to create standardization across their products.] La FDA e The Tampon Task Force hanno davvero stabilito lo standard della soluzione salina come liquido utilizzato per testare i prodotti mestruali. Non siamo davvero riusciti a trovare nulla in letteratura sull’uso del sangue. Secondo quanto riferito, una ricercatrice di nome Nancy Reame ha provato il sangue eparinizzato, ma i dati non sono mai stati pubblicati. È stato allora che ci siamo resi conto che questo è un frame importante che manca!

In che modo il processo di diagnosi e trattamento è stato complicato in passato da diverse interpretazioni dell’assorbimento e della saturazione dei prodotti del ciclo?

Quindi ci sono due serie principali di criteri oggettivi che possiamo considerare di utilizzare per diagnosticare un sanguinamento mestruale abbondante. Il primo è un ottimo strumento chiamato tabella pittorica di valutazione della perdita di sangue, o PBAC, che consente alle persone di documentare i loro assorbenti e tamponi usati durante un ciclo e quanto sono saturi. E poi l’altro è solo prendere una storia in ufficio, che si basa anche su assorbenti e tamponi. In genere, chiunque cambi un assorbente o un tampone più spesso di ogni due ore probabilmente ha l’HMB. Ma dipende tutto da assorbenti e tamponi. Tutti questi test hanno diversi decenni. La tecnologia moderna è molto meglio. Penso che abbiamo grossolanamente sottovalutato l’HMB sulla base di questi vecchi dati e metodi.

È straordinario che non esista uno standard trasversale per questi prodotti. Allo stesso tempo, sembra che queste società stessero travisando i livelli di assorbimento o saturazione. È quello che avete trovato tutti?

Non andrei così lontano da dire che stanno travisando. Abbiamo trovato qualcosa di diverso rispetto a loro quando usavano una sostanza diversa da loro.

Se stavo testando qualcuno per il diabete, ho strumenti in un laboratorio, o nel mio ufficio, che sono standardizzati. Quando si tratta di periodi, dipendiamo dall’utilizzo di questi prodotti che non sono stati creati con l’obiettivo di diagnosticare l’HMB in mente. Sono creati per aiutare qualcuno che ha le mestruazioni a gestire i propri periodi. Penso che la linea di fondo non sia tanto che le aziende debbano standardizzare le cose, quanto che dobbiamo essere consapevoli come medici e altri operatori sanitari di quanto questi prodotti possono contenere.

I miei amici parlano di passare da assorbenti interni e assorbenti a prodotti alternativi come coppette e dischetti. Noti nello studio che hai visto anche questo nella pratica.

Sì!

Cosa pensi che significherà questo cambiamento per la diagnosi e il trattamento dell’HMB e di altre condizioni?

Onestamente, penso che andrà meglio. Le coppette mestruali riportano il volume necessario per riempirle. Il volume è il volume è il volume. Penso che in realtà abbia il potenziale per rendere le cose molto più semplici e dirette.

Gran parte del linguaggio che usiamo riguardo al sanguinamento mestruale è davvero vago. Anche sui siti Web di questi prodotti, si parla se il tuo flusso è leggero o medio. Come mestruatore, non so davvero cosa significhi. Hai visto questo linguaggio vago con i tuoi pazienti?

È molto vago, ed è anche molto soggettivo. Ad esempio, avrò famiglie di pazienti in cui tutti i periodi sono pesanti. Diranno, Oh, le mie mestruazioni sono del tutto normali. Poi parlo con loro e riempiono una coppetta mestruale ogni due ore, e questo non è assolutamente normale. Ecco perché abbiamo bisogno di studi come quello che abbiamo fatto qui. Abbiamo pensato che fosse così importante ottenere qualcosa di obiettivo.

Le statistiche dicono che probabilmente circa un terzo delle persone che hanno le mestruazioni avrà HMB ad un certo punto della loro vita. E penso che certamente meno di un terzo delle persone con le mestruazioni siano trattate e valutate per l’HMB. C’è una grande disparità lì. Inoltre, quando iniziamo per la prima volta le mestruazioni, e poi verso la fine delle mestruazioni, i periodi possono essere molto pesanti durante quei periodi. Quelli sono forse i tempi di cui noi come società parliamo di meno: pubertà e menopausa.

L’utilizzo di sangue umano in questi studi, quindi, potrebbe aiutare i pazienti e gli operatori sanitari?

Penso che usare il sangue umano sarà migliore e più accurato rispetto all’uso della soluzione salina. Detto questo, il sangue mestruale è più dei soli globuli rossi che abbiamo usato. Include altre secrezioni e cellule endometriali e varia enormemente tra le persone e tra i giorni del ciclo. Quindi, non ci sarà mai una standardizzazione perfetta. Pensiamo che il nostro metodo sia migliore, ovviamente, ma riconosciamo anche che ci sono dei limiti.

In che modo le mestruazioni saranno influenzate in futuro da questo studio e avranno una conoscenza più accurata di ciò che fanno realmente i prodotti che usano per le loro mestruazioni?

Voglio essere molto chiaro, alla fine di questo studio non abbiamo deciso che qualsiasi prodotto mestruale fosse il migliore per qualsiasi cosa. È una decisione altamente individuale. Non penso che dovremmo o dovremmo davvero scegliere i prodotti in base a quanti millilitri di sangue contengono. Ci sono tanti altri motivi individuali per preferire un prodotto piuttosto che un altro. I social media si sono concentrati sul fatto che forse alcuni prodotti non sono così coinvolgenti come riportato, e capisco quella frustrazione. Ma non penso che sia un punto principale che stavamo cercando di raggiungere.

Quello che spero questo cambi è la conversazione che i medici hanno con i pazienti. Stavamo solo cercando di assicurarci che nessuno avesse perso una diagnosi di HMB perché i medici non si rendono conto che i loro prodotti mestruali assorbono così tanto sangue. Voglio solo che le persone sappiano che ci sono un sacco di opzioni per il trattamento dell’HMB. Le persone non dovrebbero davvero soffrire per questo.

Questa intervista è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Origine: www.motherjones.com



Lascia un Commento