I manifestanti ad Hamtramck, una città appena a nord di Detroit, si sono radunati in vista delle primarie di martedì.Jim West/Zuma

Combatti la disinformazione: iscriviti gratuitamente Madre Jones quotidiano newsletter e segui le notizie che contano.

Nel Michigan Alle primarie di domani, alcuni democratici intendono votare “senza impegno”, invece di votare per il presidente Joe Biden, per protestare contro il sostegno della sua amministrazione alla guerra di Israele a Gaza.

La campagna Listen to Michigan, che ha attirato il sostegno di dozzine di leader democratici del Michigan, Compreso La deputata Rashida Tlaib arriva mentre il bilancio delle vittime a Gaza ha superato le 29.000 persone, secondo gli ultimi dati del Ministero della Sanità di Gaza.

La campagna afferma di sperare che, in caso di successo, “Biden si sentirebbe maggiormente a rischio di perdere il Michigan alle elezioni generali, spingendo a una potenziale rivalutazione del suo finanziamento e sostegno alla guerra di Israele a Gaza”.

Il rappresentante dello stato democratico Abraham Aiyash, il leader arabo e musulmano di più alto rango del Michigan, ha dichiarato a Democracy Now che “non è un’idea radicale per noi suggerire che il paese più ricco e potente nella storia del mondo non dovrebbe finanziare ciò che noi visto come un genocidio”, aggiungendo che i sostenitori vogliono vedere un cessate il fuoco permanente, più aiuti consegnati a Gaza e restrizioni sugli aiuti consegnati a Israele.

Il Michigan è uno stato cruciale – Trump ha vinto con poco più di 11.000 voti nel 2016 – con grandi popolazioni arabe e musulmane. E i sondaggi mostrano che la maggioranza degli elettori a livello nazionale disapprova la gestione della guerra contro Israele da parte di Biden. L’ultima campagna spera di attirare lo stesso numero di elettori di quelle che hanno fatto la differenza nel 2016 per inviare un messaggio alla Casa Bianca prima di novembre.

Il New York Times ha pubblicato lunedì il profilo di un attivista democratico palestinese americano di 67 anni di nome Terry Ahwal, che ha fatto una campagna per Biden nel 2020 e prevede di votare “senza impegno” martedì.

“Vuoi il mio voto? Non puoi uccidere la mia gente in mio nome. Così semplice”, ha detto al Volte.

Abdullah Hammoud, sindaco della città di Dearborn, nel Michigan, ha lanciato un messaggio simile alla Casa Bianca in un editoriale pubblicato con il Volte la settimana scorsa, sostenendo che Biden “chiede ancora una volta i nostri voti e allo stesso tempo vende le stesse bombe che l’esercito di Benjamin Netanyahu sta lanciando sulla nostra famiglia e sui nostri amici”.

Alla domanda sullo sforzo in un’intervista alla CNN domenica, il governatore democratico Gretchen Whitmer ha detto che “qualsiasi voto che non sia espresso per Joe Biden supporta un secondo mandato di Trump”, prima di aggiungere in seguito: “Non sono sicuro di cosa aspettarmi”. ” il martedì. (Come il Volte nota, non è chiaro quanto sarà grande il voto di protesta.) Facendo eco alla tesi di Whitmer, un gruppo centrista democratico filo-israeliano ha lanciato una campagna pubblicitaria sostenendo che “votare senza impegno fa male a Biden, il che aiuta Donald Trump e la sua agenda odiosa”, l’Intercept ha riferito venerdì.

Ma la campagna Listen to Michigan contesta questa nozione, sottolineando il fatto che “c’è molto tempo da qui a novembre perché Biden possa cambiare le sue politiche e guadagnare il sostegno degli elettori democratici”.



Origine: www.motherjones.com



Lascia un Commento